LE VOCI – Bradley: “Il 26 Maggio uno dei giorni più bui della storia della Roma”

LE VOCI – Bradley: “Il 26 Maggio uno dei giorni più bui della storia della Roma”

Bradley, calciatore americano della Roma, è tornato a parlare del 26 Maggio. La finale di Coppa Italia, in cui la AS Roma ha perso con la Lazio: è troppo dire che è stata imbarazzante, un’umiliazione, solo per il fatto che avete perso con la Lazio? “‘Imbarazzo’ e ‘umiliazione’ non sono…

Bradley, calciatore americano della Roma, è tornato a parlare del 26 Maggio.

La finale di Coppa Italia, in cui la AS Roma ha perso con la Lazio: è troppo dire che è stata imbarazzante, un’umiliazione, solo per il fatto che avete perso con la Lazio?
“‘Imbarazzo’ e ‘umiliazione’ non sono le parole che userei. Sappiamo tutti cos’è il calcio ai massimi livelli, specialmente quando arrivi ad una finale. E’ in quel giorno è importante chi è in grado di fare una giocata. La linea di separazione tra vincere e perdere è molto sottile. Certamente perdere con i nostri più grandi rivali in una finale di coppa. dando loro la possibilità di alzare un trofeo di fonte a noi, di fronte ai nostri tifosi… Penso, quando parlo con i miei amici romani e tifosi della Roma, che sto parlando di uno dei giorni più bui nella storia del club. Senza dubbio. Ma dal dispiacere e dal fallimento derivante dal non aver vinto un coppa come quella deriva ancor più determinazione ed impegno. Come ho detto, quest’anno qui c’è un gruppo di giocatori e tecnici che sono determinati ad aggiustare la situazione”.

Spiegaci quanto è sentita la rivalità con la Lazio
“Onestamente è’ difficile spiegarlo a chiunque non sia di Roma o italiano. L’unico cosa che posso dire alle persone è di venire allo stadio un giorno e vedere. Anzi, meglio che venire allo stadio è venire a Roma la settimana del derby, così si può iniziare a sentire, ad iniziare a capire cosa significhi per la gente”. (asromaradio.it – BBC World Football)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy