LE VOCI – De Silvestri, “Sono lazialissimo”

LE VOCI – De Silvestri, “Sono lazialissimo”

ROMA – La redazione di TuttoSport, ha intervistato Lorenzo De Silvestri, l’ex calciatore biancoceleste, che, parlando al quotidiano Torinese, ha ripercorso tutta la sua carriera: “Mio papà mi ha inculcato il concetto di sacrificio, di fatica – si legge in uno stralcio dell’intervista, in cui De Silvestri parla della sua…

ROMALa redazione di TuttoSport, ha intervistato Lorenzo De Silvestri, l’ex calciatore biancoceleste, che, parlando al quotidiano Torinese, ha ripercorso tutta la sua carriera: Mio papà mi ha inculcato il concetto di sacrificio, di fatica – si legge in uno stralcio dell’intervista, in cui De Silvestri parla della sua passione per lo sci – Da bambino iniziai con il fondo: imparai a soffrire per ottenere un risultato, uno dei valori basilari dello sport. E della vita. Mi piaceva, il fondo. Solo che il richiamo del pallone era irresistibile. Arrivai alla Romulea, una squadra regionale del Lazio: ci rimasi un anno e mezzo. Poi il mio allenatore finì al settore giovanile della Lazio e io lo seguii. In biancoceleste cominciai coi Giovanissimi, quindi gli Allievi, la Primavera e, a 17 anni, l’esordio in Serie A con Delio Rossi. Sì, sono lazialissimo: sono cresciuto lì, normale che quei colori siano nel mio cuore“. Nel suo cuore c’è sempre Gabriele Sandri. “A Gabbo penso spesso, è un ricordo ben fisso nella mia testa e nel mio cuore. Lo vedo ogni volta che infilo gli scarpini, per allenarmi e prima di ogni partita. E’ un ricordo sempre vivo: un bel ricordo. Mi fa tornare in mente il modo in cui affrontava la vita. Dovunque io sia, a Roma, a Firenze, a Genova, il qualsiasi angolo del Mondo, Gabbo è lì, al mio fianco”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy