LE VOCI – Delio Rossi: “Chi perderà dovrà dare molte spiegazioni ai propri tifosi”

LE VOCI – Delio Rossi: “Chi perderà dovrà dare molte spiegazioni ai propri tifosi”

Vincere la Coppa Italia, Delio Rossi sa come si fa. E’ lui l’ultimo tecnico ad aver portato nella bacheca biancoceleste questo trofeo. In quella fantastica notte del 13 maggio 2009, il tecnico emiliano incrociava già il suo destino chiamato Sampdoria. A pochi giorni dall’ultimo atto di stagione, il più importante,…

Vincere la Coppa Italia, Delio Rossi sa come si fa. E’ lui l’ultimo tecnico ad aver portato nella bacheca biancoceleste questo trofeo. In quella fantastica notte del 13 maggio 2009, il tecnico emiliano incrociava già il suo destino chiamato Sampdoria. A pochi giorni dall’ultimo atto di stagione, il più importante, Rossi ricorda quella fantastica notte: “Era la chiusura di un ciclo, sono arrivato in punta di piedi 4 anni prima e aveva voglia di lasciare la gente laziale con qualcosa di concreto. Per me è stato un momento molto emozionante”. E mentre il tecnico fresco di rinnovo con la società blucerchiata si gode le meritate vacanze, la sua ex squadra dopo l’ennesimo tonfo di Trieste contro il Cagliari, viene richiamata all’ordine con un ritiro lampo a Norcia (come avvenne durante la sua militanza sulla panchina biancoceleste) “Il risultato dipende dal gruppo che hai a disposizione, se lo vedi come una punizione può essere dannoso, tra l’altro la città di Roma è particolare, può togliere energie. Se viene accettato bene –  continua ai microfoni di Radiosei –  può avere una sua funzione.

Nel momento stesso che uno ha il sangue nelle vene e vive a Roma, prima di una gara del genere deve vivere tutta la settimana in funzione di quella partita, il calciatore non è che la sera stacchi la spina con la famiglia, per questo è relativo il discorso di chi sostiene che la squadra deve restare a Roma per vivere l’umore. La cosa importante è trovare la giusta tensione, né troppo alta né troppo bassa, non c’è una medicina esatta. La Lazio ha fatto qualcosa di esaltante all’inizio della stagione, poi è andata sotto le sue possibilità, ha pagato le tre competizioni ed un organico forse non attrezzato per così tanti impegni. Faccio fatica a dare un giudizio a distanza, non vivo gli aspetti biancocelesti quotidianamente. Vincendo la Coppa Italia contro i cugini sarebbe una stagione rivalutata, in caso contrario sarebbe una grande delusione per tutto l’ambiente. Sarà una battaglia di nervi, chi perderà dovrà dare molte spiegazioni ai propri tifosi”.

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy