LE VOCI – Franceschini: “Giocare senza tifosi è frustrante”

LE VOCI – Franceschini: “Giocare senza tifosi è frustrante”

ROMA – Un altro ex biancoceleste si unisce al coro delle voci che in questi giorni stanno commentando la prossima partita della Lazio. Questa volta è il turno di Daniele Franceschini che a ElleRadio ha dichiarato:”Giocare senza tifosi è frustrante, demoralizzante. Il fatto di avere gente che ti segue in…

ROMA – Un altro ex biancoceleste si unisce al coro delle voci che in questi giorni stanno commentando la prossima partita della Lazio. Questa volta è il turno di Daniele Franceschini che a ElleRadio ha dichiarato:
“Giocare senza tifosi è frustrante, demoralizzante. Il fatto di avere gente che ti segue in tribuna è parte dello spettacolo, non poter dare una soddisfazione ai propri sostenitori è la morte del calcio. Lo striscione esposto domenica sera non ha di certo aiutato, capisco però la tifoseria che si sente presa di mira dall’UEFA, anche perchè non c’è omogeneità di giudizio rispetto a quello che si vede in Italia, dispiace ma in ambito europeo su certe cose sono molto piu severi”. Franceschini continua poi: “La gara contro lo Stoccarda è complicata perchè c’è l’aspetto psicologico da tenere sotto osservazione, non bisogna pensare di aver già passato il turno ma i ragazzi di Petkovic sono dei professionisti e sono sicuro che non sbaglieranno l’approccio iniziale. La Lazio viene da un periodo un pò sfortunato, è fondamentale passare il turno. Lo Stoccarda sta soffrendo in Bundesliga anche se fuori casa va molto meglio rispetto al suo rendimento casalingo. Di certo non verranno a Roma per difendersi e quindi potrebbero aprirsi spazi importanti per gli attacchi della Lazio”.
Per quanto riguarda il brutto momento in campionato invece: “Ci vuole equilibrio per uscire da questo momento, calciatori e allenatore devono fare una disamina profonda, bisogna prendere in considerazione l’intera stagione. C’è stato un calo evidente, si sta perdendo il terzo posto ma non bisogna fare l’errore di buttare via tutto. Bisogna fare gruppo, la Lazio non è quella di queste ultime giornate e può, senza dubbio, ancora raggiungere il terzo posto. I biancocelesti sono una delle squadre che ha giocato piu di tutte ed era quindi logico aspettarsi un calo fisico. In campionato, poi, le squadre sono tatticamente preparate, hanno imparato a conoscere il gioco di Petkovic e si difendono bene. In Europa questo non succede, le squadre lasciano giocare, ognuno pensa a fare il proprio gioco e questo facilita la Lazio. La prossima contro il Torino? Il Torino ama giocare al calcio, è una squadra che subisce pochi gol e si difende molto bene. Sarà una partita difficile, la Lazio dvorà essere brava a sfruttare gli spazi che il Toro gli concederà. Attenzione ai movimenti delle punte, Ventura è un maestro da questo punto di vista. Dovranno essere molto bravi i centrali biancocelesti”.

cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy