LE VOCI – Giordano: “Cavanda ha ragione..”

LE VOCI – Giordano: “Cavanda ha ragione..”

ROMA – Oggi l’ex-attaccante biancoceleste Bruno Giordano, ai microfoni di Radio Manà Sport durante la trasmissione ‘La Lazio siamo noi’, ha parlato della situazione relativa a Luis Pedro Cavanda: “La richiesta di Cavanda e del suo procuratore alla Lazio, è più che legittima, in un calcio sempre plurimiliardario la definirei…

ROMA – Oggi l’ex-attaccante biancoceleste Bruno Giordano, ai microfoni di Radio Manà Sport durante la trasmissione ‘La Lazio siamo noi’, ha parlato della situazione relativa a Luis Pedro Cavanda: “La richiesta di Cavanda e del suo procuratore alla Lazio, è più che legittima, in un calcio sempre plurimiliardario la definirei addirittura più bassa del previsto. Chiedere 400 mila euro all’anno mi sembra giusto, il giocatore è costato 15 mila euro alla società che lo prese grazie a Walter Sabatini, proviene dal vivaio, garantisce comunque una plusvalenza, nelle serie inferiori in Italia c’è chi guadagna di più”.

La desamina di Giordano continua con un paragone agli altri calciatori della rosa laziale:” Vogliamo parlare allora dell’ingaggio di Cana, quasi due milioni netti all’anno? Lotito per il belga non arriva nemmeno alla metà della richiesta dell’agente, se continua così continua a perdere giocatori, accadrà con Cavanda quello che è già successo con Pandev, Zarate, Carrizo, Diakite”. Anche per Hernanes da tempo si parla di rinnovo: “La sua richiesta è congrua, 2 milioni all’anno per il brasiliano, che ne otterrebbe almeno 3 in qualsiasi altro top club in serie A o di un altro campionato, la Lazio li deve spendere”. L’attenzione si sposta su Sampdoria – Roma: “Il grave sbaglio di Osvaldo non sta nell’aver chiesto a Totti di battere il rigore, ma nell’esecuzione dello stesso. Delio Rossi? Non mi piacciono gli allenatori che compiono gesti plateali, quello di ieri poteva e doveva essere evitato”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy