LE VOCI – Hernanes e quel sogno di bambino…

LE VOCI – Hernanes e quel sogno di bambino…

ROMA – Hernanes torna a parlare, lo fa ai microfoni di frizz.com.br, e racconta il suo sogno, che con il calcio, non c’entra proprio niente. “Diventare ingegnere”, appunto e, per riuscirci, frequenterà anche un corso. “Penso che potrei diventarlo – dice – ero molto bravo in matematica, una materia che…

ROMA – Hernanes torna a parlare, lo fa ai microfoni di frizz.com.br, e racconta il suo sogno, che con il calcio, non c’entra proprio niente. “Diventare ingegnere“, appunto e, per riuscirci, frequenterà anche un corso. “Penso che potrei diventarlo – dice – ero molto bravo in matematica,  una materia che mi sarà molto utile nel corso di ingegneria“. Hernanes, è uno che quando ci si mette, difficilmente non arriva a ciò che vuole. Come quando al San Paolo, a 13 anni, si intestardì nel voler calciare bene sia di destro che di sinistro, piede quest’ultimo, meno ‘addestrato’. “Ero capace a calciare solo di destro, ma con il tempo ho imparato a calciare molto bene anche con il sinistro. Da solo o con mio padre: mi allenai per ore. Il calcio si impara giocando – spiega Hernanes – e quello che differenzia un campione da un giocatore normale, è che il primo impara più velocemente“.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy