LE VOCI – Igli Tare quasi rassegnato: “Bisogna avere pazienza”

LE VOCI – Igli Tare quasi rassegnato: “Bisogna avere pazienza”

ROMA – Se lo sentiva. O forse, al netto del dichiarato assalto alla Champions, era già nei patti senza che fosse di dominio pubblico: «Questo è un anno di transizione, bisogna avere pazienza». A dirlo è il d.s. della Lazio, Igli Tare. Cioè la società biancoceleste presente a Bergamo, visto…

ROMA – Se lo sentiva. O forse, al netto del dichiarato assalto alla Champions, era già nei patti senza che fosse di dominio pubblico: «Questo è un anno di transizione, bisogna avere pazienza». A dirlo è il d.s. della Lazio, Igli Tare. Cioè la società biancoceleste presente a Bergamo, visto che il presidente Lotito si trovava a Salerno per Salernitana-Viareggio di Lega Pro. La cosa curiosa è che la resa sul fronte terzo posto arriva prima di affrontare l’Atalanta, non dopo la sconfitta. Qualcosa non quadra: ma non era l’anno del lancio definitivo della Lazio tra le big, dopo la conquista della Coppa Italia e l’auto-candidatura nella corsa per la qualificazione Champions? Così avevano detto nell’ordine Petkovic, Lotito, i giocatori e lo stesso Tare: evidentemente, la realtà è un’altra. Ed è dura da mandar giù: la Champions (salvo nuove indicazioni) non è più un obiettivo e la stagione corrente è solo di passaggio.

Del resto il progetto giovani è appena partito e serve tempo per farlo ingranare, è pacifico adesso e lo era anche prima. A questo punto, però, i problemi più grossi sono due e rischiano di far saltare gli equilibri dentro e fuori la Lazio: come rispondere alle aspettative dei tifosi dopo un’estate passata a farle gonfiare (con tanto di bacchettate per la scarsa affluenza all’Olimpico)? E poi, come dire alle stelle che dovranno trascorrere un anno tra lacrime e sangue col compito di svezzare i giovani in un progetto che potrebbe non comprenderli? Forse però le stelle qualcosa avevano già fiutato visto che Klose, nonostante la corte di Lotito, si è promesso ai Los Angeles Galaxy e su Hernanes, che guada caso non vuol saperne di rinnovare, c’è forte l’Atletico Madrid. «La Lazio ha tanta qualità, i giovani stanno rispondendo bene in questo momento e non vedo perché non schierarli dal primo minuto – le parole di Tare, il fautore del progetto giovani – Il mercato? Tutte queste voci che riportate voi giornalisti io non le conosco. A tempo debito parleremo di futuro sia con Hernanes sia con Klose. Ma non credo che il brasiliano possa partire a gennaio». Ma dopo tanti «fraintendimenti» la domanda sorge spontanea: sarà proprio così?

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy