LE VOCI – La carica dei romanisti per il derby

LE VOCI – La carica dei romanisti per il derby

Finisce coi giocatori sotto la Curva Sud e l’invito, vocale e con gli striscioni, a tirare fuori gli attributi domenica nel derby più importante di sempre. Era Roma Napoli, è stato soprattutto l’antipasto di Roma Lazio. Il pensiero dei tifosi (sotto la Curva Nord è stato esposto lo striscione «26…

Finisce coi giocatori sotto la Curva Sud e l’invito, vocale e con gli striscioni, a tirare fuori gli attributi domenica nel derby più importante di sempre. Era Roma Napoli, è stato soprattutto l’antipasto di Roma Lazio. Il pensiero dei tifosi (sotto la Curva Nord è stato esposto lo striscione «26 5 2013, vincete o scappate») è rivolto a Mauri e compagni, quello di Andreazzoli, che ricorre a un ampio turnover, anche. In panchina, ad esempio, è andato Dani Osvaldo e Mattia Destro ha ritrovato il posto da titolare. Novanta minuti per lui e un gol, l’undicesimo stagionale (più uno in Nazionale), sotto il cuore del tifo romanista festeggiato con una corsa utile a sfogare tutta la rabbia accumulata in queste settimane: «Il brutto infortunio che ho avuto non ci voleva, questo gol è stato importante per me. Adesso pensiamo al derby, faremo di tutto per vincere. Siamo consapevoli che serve la partita perfetta». E il futuro? «Quest’anno ci siamo persi in tante sciocchezze, l’anno prossimo speriamo di fare un grande campionato».

All together Mentre il Ceo Italo Zanzi a fine partita offre un brindisi a dipendenti e collaboratori ementre i tifosi sui social network si prendono la (piccola) soddisfazione di aver chiuso il campionato davanti alla Lazio, Miralem Pjanic lascia lo stadio con la faccia scura per via dell’ennesimo fastidio alla caviglia: «Mi dispiace di aver preso un’altra botta, devo gestire al meglio questa settimana per essere pronto per il derby. Quest’anno speravamo di fare qualcosa di più,ma sicuramente aver concluso davanti alla Lazio fa bene al morale. Chi vincerà il derby? Chi avrà più fame e più voglia».

Carica brasiliana Ha lasciato lo stadio sicuramente più felice rispetto a Pjanic Marquinho. Il brasiliano, che al Napoli aveva già segnato nel 22 di un anno fa, è un mancino puro ma ha aperto le marcature con un gran gol di destro: «Abbiamo chiuso il campionato contro una squadra fortissima giocando molto bene e sono felice di aver fatto gol col destro, visto che ci riuscivo solo in allenamento. Adesso pensiamo al derby, mi piace l’idea di vivere una settimana così importante. Dobbiamo dare il 150%». Da un centrocampista a un altro: si è preso l’applauso di tutto l’Olimpico Simone Perrotta. Contratto in scadenza, potrebbe aver giocato per l’ultima volta in campionato con la maglia giallorossa: «Se non dovessi rinnovare me ne vado senza rimpianti. Ho dato tutto e me ne andrei fiero di quello che ho fatto». Chiudere con la Coppa Italia sarebbe il massimo: «Dobbiamo giocare la finale col cuore e con la testa. Per noi vale come una Champions ».

Ex al veleno Mentre a Roma si aspetta la finale di Coppa Italia, a Firenze c’è tanto amaro in bocca per la qualificazione in Champions sfumata all’ultimo minuto. Tra i tifosi delusi c’è anche Elena Braccini, ex compagna di Dani Osvaldo, che si è sfogata su Twitter e ha scritto al padre delle sue figlie: «Accidenti a te e a quel gol di mer… a Firenze. Potevi evitare. Per colpa tua non andiamo in Champions. Lo sai vero?».

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy