LE VOCI – Lotito, “All’andata non siamo..”

LE VOCI – Lotito, “All’andata non siamo..”

MILANO – Claudio Lotito è amareggiato per l’eliminazione della Lazio nei quarti di Europa League: “C’è delusione per l’addio all’Europa League – ha confessato -, ma la delusione nasce dal fatto che non siamo stati trattati bene nella gara d’andata e che al ritorno non meritavamo la sconfitta. Giocare senza…

MILANO – Claudio Lotito è amareggiato per l’eliminazione della Lazio nei quarti di Europa League: “C’è delusione per l’addio all’Europa League – ha confessato -, ma la delusione nasce dal fatto che non siamo stati trattati bene nella gara d’andata e che al ritorno non meritavamo la sconfitta. Giocare senza il proprio pubblico non è facile. Non possiamo essere ostaggio di 10-13-15 persone, un manipolo di pseudo-tifosi. Forse sarebbe stato meglio chiudere un solo settore e non tutto lo stadio. Va cambiato l’intera sistema”.

CAMBIO RADICALE – Lotito ha poi parlato della crisi del sistema calcio Italia: “E’ un peccato che le squadre italiane non abbiamo proseguito il loro cammino in Europa. Io tifo sempre per le italiane all’estero, mentre altri hanno piacere che la Juve e la Lazio siano state eliminate. Non è positivo per il nostro movimento“.

DERBY – Eccoci all’argomento derby: “Il prefetto troverà la soluzioni più adatte. Non si giocherà più di sera? Ne parleremo al momento opportuno. Di certo in tv si sono viste immagini non belle: ci sono stati episodi deprecabili e deplorevoli, ma non possiamo essere ostaggi di una serie di persone che usano il calcio per andare contro le regole. Bisogna fare una distinzione tra tifosi-delinquenti e delinquenti-tifosi. Se avessimo gli stadi di proprietà potremmo selezionare chi entra e sarebbero gli stessi tifosi a emarginare certe gente. La società può educare i tifosi: la Lazio lo sta facendo e l’aquila ha anche questa funzione“.

Fonte: Corrieredellosport.it

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy