LE VOCI – Lotito: “Noi a pezzi? La Roma ha perso 3000 derby”

LE VOCI – Lotito: “Noi a pezzi? La Roma ha perso 3000 derby”

ROMA – “Noi a pezzi dopo il derby? La Roma ne ha persi 3000”. E’ al settimo cielo, Claudio Lotito, nonostante la sconfitta nella stracittadina all’uscita dalla Clinica Paideia: “Siamo stati meno determinati rispetto al “derby dei derby”, non abbiamo concretizzato le occasioni avute, poi nel secondo tempo ci sono…

ROMA – “Noi a pezzi dopo il derby? La Roma ne ha persi 3000”. E’ al settimo cielo, Claudio Lotito, nonostante la sconfitta nella stracittadina all’uscita dalla Clinica Paideia: “Siamo stati meno determinati rispetto al “derby dei derby”, non abbiamo concretizzato le occasioni avute, poi nel secondo tempo ci sono stati due episodi, quello di Balzaretti e l’espulsione, che hanno determinato il risultato. Sarebbe stato più giusto un pareggio, ma nel calcio vince chi segna”.

Ecco gli appigli del presidente biancoceleste: Non è pensabile giocare il giovedì alle 23 e rigiocare la domenica alle 15, è stata un’anomalia che non deve più ripetersi perché privilegia una parte e non l’altra, lo ha detto anche l’allenatore della Roma”. Già, quel Garcia che ha lasciato intendere fra la Lazio non è una squadra d’alta classifica. Una puncicata all’orgoglio biancoceleste: E’ un buon allenatore, una persona che mantiene il profilo giusto per il campionato italiano. Le considerazioni si fanno dopo la prima tornata di campionato, la Lazio ha 8 persone fuori. Questo organico consentirà di mantenere un trend nelle tre competizioni. Abbiamo tanti giocatori fuori. Alcune tematiche di carattere infortunistico sono più difficili da recuperare”. L’assenza di Klose è un trauma vero: “Allora i medici della Lazio non sono così male…In Germania non sono mai riusciti a risolvergli questo problema al piede destro”. Ora sì che avrebbe fatto un gran comodo Yilmaz, non per Lotito: “No. Sono più che mai convinto che sia stato meglio cosi. Non è un giocatore che può stare alla Lazio, non vogliamo un secondo Zarate”.

Per fortuna che Maurito s’è svincolato, oltre 12 milioni risparmiati: “Ci siamo appellati alla Fifa per il risarcimento del danno, il calciatore ormai si è svincolato. La società ha fatto di tutto per sostenerlo, non sarà un caso se 7-8 allenatori non ne hanno tratto vantaggio. Il primo anno è andato bene, poi si è perso. Non abbiamo programmato la perdita, lui ha perso l’arbitrato e si è svincolato. Faremo una richiesta di risarcimento danni e vedremo cosa succederà. Vedremo chi vincerà questa guerra, se dovessimo avere ragione, diventerà un problema economico importante. Anche di 30 milioni…”. Quelli che Lotito avrebbe voluto per lasciare andar via Hernanes: “Vogliamo trattenere tutti i giocatori che riteniamo idonei ad accrescere il potenziale della squadra, non mi sembra che la società si sia sottratta dal fare investimenti. Io credo che il mercato internazionale sia proteso verso giocatori giovani, si cerca l’investimento a differenza del passato. Guardate il Milan: ha preso El Sharaawi e lo ha fatto debuttare. Noi abbiamo una serie di giovani, il ranking più alto della Primavera, ci sono dei giovani che debutteranno in prima squadra, abbiamo puntato sul futuro. Keita al momento opportuno dimostrerà le sue qualità. Vedrete anche Perea. Abbiamo portato dei giocatori che nessuno conosceva, adesso sono dei fenomeni. Noi partecipiamo alle competizioni europee, altre squadre no”. A proposito di rinnovi, c’è sempre anche quello di Petkovic in ballo: “Non abbiamo questo assillo. Il tecnico non è contentissimo dell’ambiente che lo circonda. C’è una situazione vergognosa, solo a Roma succede. Da parte sua non c’è nessun problema, noi abbiamo un rapporto vero, empatico. E’ una persona con la quale collaboriamo, abbiamo un confronto sereno, tranquillo, tutto il resto sono chiacchiere”. Chissà se finiranno nero su bianco.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy