LE VOCI – Lotito: “Tifosi aspettate, vedrete una grande Lazio”

LE VOCI – Lotito: “Tifosi aspettate, vedrete una grande Lazio”

ROMA – “E’ la seconda Coppa Italia da quanto sono Presidente della Lazio, ma sicuramente questa ha un valore particolare”. Così ha parlato Claudio Lotito a SkyTg24 commentando il fresco successo sulla Roma che è valso anche l’Europa. “E’ la prima volta che accade una cosa del genere. Una finale,…

ROMA –E’ la seconda Coppa Italia da quanto sono Presidente della Lazio, ma sicuramente questa ha un valore particolare”. Così ha parlato Claudio Lotito a SkyTg24 commentando il fresco successo sulla Roma che è valso anche l’Europa. “E’ la prima volta che accade una cosa del genere. Una finale, all’Olimpico e in più nel derby”.

La Lazio ha corso il rischio di una stagione fallimentare 

“Eravamo secondi in classifica nella prima parte del campionato e sappiamo come siamo usciti dall’Europa League. Avevamo già raggiunto degli ottimi risultati e poi c’è stato il successo vincendo la Coppa Italia. Vedremo il prossimo anno, ci impegneremo per raggiungere dei traguardi ancor più importanti”.

E sullo stadio di proprietà quali sono i progetti?

“Innanzitutto ci vuole il permesso della legge. Sappiamo che comunque, per costruire uno stadio ci vogliono almeno 3 anni. L’idea è di una struttura h24, una vera e propria cittadella dello sport. Immaginate un tifoso che vive lo stadio, con la possibilità di incontrare il suo allenatore e dei giocatori. Tutto questo senza degli aggravi economici, un forte rapporto simbiotico. Con questo si avrebbe la possibilità di ottenere dei risultati fondamentali, una riqualificazione dell’ambiente e, soprattutto per le nuove generazioni, riacquisire quei valori che ormai si sono persi”.

Fairplay finanziario e ingresso dei magnati nelle società italiane

Sono convinto che con il fairplay finanziario, debbano essere rivisti i comportamenti di molte società che hanno speso più di quanto guadagnano. E poi, non è questa la soluzione, non vince chi più spende. Ci deve essere una logica in questo e noi seguiamo un’altra filosofia. Deve prevalere il merito e lo spirito di sacrificio. Ora la Lazio parte svantaggiata in quanto fattura 90 mln invece di 150 mln come altre squadre italiane. Addirittura in Europa, i numeri sono decisamente maggiori. Se la Lazio avesse la possibilità di passare da 90 a 150, sarebbe tutta un’altra storia. La società ad oggi produce effetti importanti e ha portato 3 trofei, 2 Coppe Italia e una Supercoppa Italiana, a differenza di altre che hanno investito tanto e non ha vinto nulla (Roma ndr).

Alla ricerca del modello tedesco?

I tedeschi lavorano di programmazione e sono arrivati a questi livelli grazie al loro modo di agire. Proprio grazie alla programmazione, si può colmare il gap che le società italiane hanno con quelle europee. Chiedo ai tifosi di avere pazienza. In una squadra conta il tasso tecnico, ma devi essere bravo ad esprimerlo al 100%, sennò è inutile. Noi vorremmo avere una maggior disponibilità economica anche per puntare a giocatori sconosciuti, che poi si rivelano degli ottimi elementi. Abbiamo dimostrato di essere bravi sotto questo punto di vista con l’acquisto di Lulic e di Candreva e Klose che tutti ritenevano “finiti”. Il mio vero orgoglio? E’ stato vedere i miei giocatori insieme alle famiglie. Non c’è cosa più bella per un giocatore avere l’affetto e l’appoggio dei propri cari”.

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy