Ledesma, quando non si allena è dietro il bancone..

Ledesma, quando non si allena è dietro il bancone..

Il doppio filo della vita di Cristian. Ha aperto uno store di un famoso marchio sportivo nei pressi di Corso Francia: si trova a Piazza Carli, quartiere Vigna Stelluti di Roma. Lo gestisce la moglie Marta, Ledesma è dietro al bancone al suo fianco, quando non si allena. Molti tifosi…

Il doppio filo della vita di Cristian. Ha aperto uno store di un famoso marchio sportivo nei pressi di Corso Francia: si trova a Piazza Carli, quartiere Vigna Stelluti di Roma. Lo gestisce la moglie Marta, Ledesma è dietro al bancone al suo fianco, quando non si allena. Molti tifosi accorrono da settimane, anche solo per vederlo dal vivo e farsi firmare un autografo. Ledesma ormai ha messo radici nella capitale, il suo futuro è qui. Non ha intenzione di muoversi e la scelta imprenditoriale ne è la più emblematica dimostrazione: «Io e Cristian amiamo questa città e soprattutto la Lazio. Abbiamo fatto insieme un progetto di vita, che ci lega a questa realtà. Non la lasceremo mai», confida Marta. La bella consorte aveva sempre coltivato il desiderio di aprire un negozio, un mese fa è diventato realtà. Non c’è ancora stata l’inaugurazione, ma a breve – probabilmente in prossimità di Natale – è prevista una serata evento, in cui Ledesma coinvolgerà qualche compagno biancoceleste, special guest. I giocatori laziali già invadono il negozio, sono clienti fissi. Marta e Cristian – nonostante la firma sia sponsor del capitano – hanno deciso di puntare tutto su capi casual e trendy: niente materiale tecnico, niente scarpini da calcio. La scelta di vita di Cristian ormai è fatta. Per l’argentino atipico che ama la «cacio e pepe» di Trastevere come e più dell’asado, che insegna ai figli i cori della Nord, che sa tutto l’inno di Mameli perché «sono italiano, non un oriundo», che al tango preferisce la pizzica, salentina come la moglie Marta, c’è solo e per sempre la Lazio e Roma. Nessun progetto di ritorno in Patagonia, la sua terra d’origine, per sparare le ultime cartucce. Ora che è una bandiera, Ledesma sventolerà per sempre: «Il mio gol preferito? Il primo al derby (10/12/2006, Lazio-Roma 3-0, ndr) , senza dubbio». Appenderà la foto in negozio.

Fonte: Alberto Abbate – Il Corriere dello Sport

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy