Lichtsteiner: “Lazio più competitiva della Roma”

Lichtsteiner: “Lazio più competitiva della Roma”

Il Forrest biancoceleste. Mai dimenticato, per il cuore e soprattutto le gambe, che metteva in campo. Stephan Lichtsteiner arrivato da sconosciuto nel nostro calcio, e dopo tre anni di Lazio è approdato alla Juventus. Nonostante questo, i colori biancocelesti gli sono rimasti dentro, dato che la Lazio è stata comunque…

Il Forrest biancoceleste. Mai dimenticato, per il cuore e soprattutto le gambe, che metteva in campo. Stephan Lichtsteiner arrivato da sconosciuto nel nostro calcio, e dopo tre anni di Lazio è approdato alla Juventus. Nonostante questo, i colori biancocelesti gli sono rimasti dentro, dato che la Lazio è stata comunque la squadra che lo ha lanciato nel calcio che conta:”La Lazio ha significato moltissimo per me, – intervenuto ai microfoni di Radiosei – a Roma ho vissuto tre anni fantastici, fondamentali per la mia carriera. Devo ringraziare la squadra, la società ma soprattutto i tifosi laziali”.

Amarcord Lazio, con i ricordi di trofei importanti, la Coppa Italia contro la Sampdoria e poi nell’estate dello stesso anno la Supercoppa Italiana contro l’Inter a Pechino; come non si può ricordare quel suo gol nel derby dell’aprile del 2009: “Ho vinto due coppe, molto importanti, con la maglia della Lazio e poi quel gol al derby…anche se il bilancio nei derby per me non è proprio positivo”  

Ma il desiderio del terzino svizzero, mai nascosto, era quello di arrivare in un club blasonato e la Juventus era quello che cercava per la sua carriera. La sua definitiva affermazione, e il salto di qualità per la sua carriera:“La Juventus è una delle squadre più forti al mondo e qui sto benissimo. E’ stata la giusta via, per vincere; la squadra è molto forte e i miei gol sono frutto del calcio che pratichiamo, molto più offensivo rispetto a quello attuato alla Lazio. Abbiamo vinto lo scudetto, ma non mi voglio accontentare il mio obiettivo è la Champions League” .

L’addio alla Lazio, un passo non negativo dato che i rapporti con la società biancoceleste ci sono ancora: “Con chi sono rimasto in contatto? Con i giocatori un po’ meno, ma con l’ambiente laziale mi sento moltissimo. Con i magazzinieri o con il fotografo mi sento moltissimo. Con il presidente Lotito ho un buon rapporto, ci siamo lasciati bene. Abbiamo una mentalità professionale”.

Lich, crede in questa Lazio: “La Lazio ha fatto molto bene lo scorso anno, sfiorando la Champions nonostante gli infortuni di Klose e Lulic. Anche quest’anno la Lazio può arrivare in Champions, le qualità ci sono. Poi davanti c’è Klose, attaccante di primissimo livello. Il bomber che mancava quando giocavo io nella Capitale.”

Per il dopo Lichtsteiner è arrivato Konko: ” Il mio sostituto? Konko è un ottimo difensore, un giocatore di qualità”.

Confronto inevitabile con la seconda squadra della Capitale: “Quest’anno vedo bene la Lazio, è più competitiva della Roma -continua Stephan- per batterli conta fare più gol di loro, ma bisogna stare attenti dietro dato che, alla Roma fischiano i rigori con più facilità – la risata è d’obbligo- l’importante è dare palla a Miro……ci pensa lui” 

Simone Davide-Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy