LE VOCI – Lotito: “Difficoltà? Siamo competitivi!”

LE VOCI – Lotito: “Difficoltà? Siamo competitivi!”

ROMA – “Non sono sorpreso della prestazione di ieri della Lazio, i fatti mi stanno dando ragione”. Pensieri e parole firmate Claudio Lotito, presente all’inaugurazione della mostra su Silvio Piola. “Come tutte le cose ci vuole tempo ma noi siamo convinti, assolutamente, di aver allestito una squadra competitiva e completa.…

ROMA – “Non sono sorpreso della prestazione di ieri della Lazio, i fatti mi stanno dando ragione“. Pensieri e parole firmate Claudio Lotito, presente all’inaugurazione della mostra su Silvio Piola. “Come tutte le cose ci vuole tempo ma noi siamo convinti, assolutamente, di aver allestito una squadra competitiva e completa. Quando saremo a pieno organico, potremo competere con tutti. Non dimenticate che mancavano giocatori importanti, fondamentali, come Mauri, Konko, Radu, Klose, Novaretti e Biava. Noi non facciamo scommesse: lavoriamo sulle certezze. E lo ripeto col sorriso: molti parlano di pallone, noi di calcio. Ieri in campo sono scesi due calciatori di vent’anni e uno di 18. Lo scorso anno ci criticavano perchè avevamo troppi giocatori avanti con l’età, quest’anno ci dicono il contrario. Il mix vincente però, è la via di mezzo. Le partite si vincono e si perdono: il pareggio con il Sassuolo era evitabile certo, poi ci sono state le sconfitte con la Juventus: ma una squadra che arriva ad avere ben 9 titolari – potenziali – fuori rosa non è cosa di poco conto. Vorrei vedere quante altre squadre riuscirebbero ad essere ugualmente competitive nelle stesse condizioni. Abbiamo grandi potenzialità“.

Una frecciata al veleno, Lotito la riserva al presidente della Juventus Agnelli:Il mio tipo di filosofia istituzionale mi porta a creare delle idee all’interno della sede: le critiche, se costruttive, vanno fatte nelle sedi opportune e se uno sta dalla parte del giusto, deve farsi valere fino in fondo, come ho fatto io. Ad Agnelli, mio amico, dico che – poichè ci troviamo in un regime democratico – ognuno può dire la sua ma alla fine il proprio giudizio viene espresso attraverso il voto, che si conta e no si pesa. C’è bisogno di dialogo, non di polemiche in tv o sui giornali: non è lì che si risolvono i problemi”. Cambio di rotta, e chiosa finale: “Il match con la Fiorentina a rischio per lo sciopero dei vigili? Non faccio il loro sindacalista. Certe notizie le apprendo da voi, speriamo prevalga il buon senso altrimenti sarà un grave danno e ognuno dovrà farsi carico di certe responsabilità”.

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy