Lotito, “Lo stadio della Lazio..”

Lotito, “Lo stadio della Lazio..”

Lunga intervista di Claudio Lotito al quotidiano ‘Il Tempo’. Il presidente della Lazio, torna a parlare di Stadio. Si sente tutelato dal testo in approvazione al Senato? «Io non cerco tutele personali. Qui si tratta di avere una legge che consente di poter realizzare gli stadi con quelle prerogative fondamentali…

Lunga intervista di Claudio Lotito al quotidiano ‘Il Tempo’. Il presidente della Lazio, torna a parlare di Stadio.

Si sente tutelato dal testo in approvazione al Senato? «Io non cerco tutele personali. Qui si tratta di avere una legge che consente di poter realizzare gli stadi con quelle prerogative fondamentali per la patrimonializzazione della società e per l’incremento esponenziale dei ricavi».

Mi scusi, quali sono le prerogative? «Intanto la possibilità di avere certezze dei tempi. Il vero problema è sorto quando sono state aggiunte nel testo quattro righe che contrastano con i principi di trasparenza e colleggialità»

Quali righe? «Lei sa che la conferenza dei servizi deve deliberare il progetto presentato. Se lo fa a maggioranza semplice si dovrà esprimere anche il Cdm. Se lo fa all’unanimità si procede. Ma nonostante si siano espresse con parere favorevole tutte le autorità preposte, si resta vincolati all’autorità che ha già messo il vincolo. Ciò significa che c’è un potere di veto che qualcuno esercita su di te. Vuol dire fare una norma che non consente di fare nulla. Dobbiamo decidere se vogliamo fare gli stadi o vogliamo prendere in giro la gente».

I problemi urbanistici? «Stupidaggini. Il complesso multifunzionale comprende lo stadio e i complessi edilizi necessari e inscindibili, purché l’equilibrio economico e finanziario sia congruo e funzionale per la realizzazione dell’impianto e il suo mantenimento. Se vuoi fare il salto vero con le squadre di calcio devi metterle incondizioni di aumentare i ricavi e ciò deriva da un’attività che non è data solo dal biglietto d’ingresso. La lazio ha un fatturato di 90 milioni e io devo portarlo a 180 milioni. Oggi noi ci sosteniamo solo con i diritti tv e questo non è più possibile. Basta demagogia».

Presidente, se verrà approvata la legge, il giorno dopo cosa farà? «Con uno strumento normativo che mi darà certezze presenterò subito il progetto. Una Cittadella dello Sport della Lazio aperta tutto l’anno h24. Chi andrà lì, non solo a vedere la partita, ma anche facendo la spesa, andando al cinema, nello shop Lazio e altro, contribuirà alle sorti del club. Il progetto è pronto, faccio i fatti non proclami».

Quanto sarà grande il suo stadio? «55000 posti».

Qual è l’area più adatta? «Lo andremo a individuare».

Investirà in un impianto anche a Salerno? «Sono convinto che su Salerno grossi problemi non ci saranno con l’amministrazione, perché lì il sindaco può decidere più velocemente. I problemi ci sono in realtà più grandi come Roma, anche per questo servono regole certe e bisogna averle il prima possibile».

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy