Mauri, prevenire meglio che curare..

Mauri, prevenire meglio che curare..

LONDRA – Torniamo per un attimo indietro nel tempo. Stefano Mauri si sta confermando su alti livelli, ma, il trequartista monzese, spera quest’anno di mantenere la condizione per tutta l’annata. Vuole scongiurare altri gravi infortuni e per questo, approfittando della trasferta inglese per Tottenham-Lazio, ha avuto un consulto privato con…

LONDRA – Torniamo per un attimo indietro nel tempo. Stefano Mauri si sta confermando su alti livelli, ma, il trequartista monzese, spera quest’anno di mantenere la condizione per tutta l’annata. Vuole scongiurare altri gravi infortuni e per questo, approfittando della trasferta inglese per Tottenham-Lazio, ha avuto un consulto privato con il Capo dell’Unità Riabilitativa e di Fisioterapia del Watford, Giorgio Gasparini. E’ lo stesso medico che lo ha seguito passo dopo passo, l’anno scorso, nei mesi del calvario.

Lo ha raggiunto Venerdì mattina, a piedi, in un albergo della catena spagnola NH, ad Harrington Gardens, di fronte al Grosveron Casinò. Buone notizie per la gente laziale. Mauri non ha nessuna intenzione, quest’anno, di vivere da comparsa a causa di guai muscolari. Prevenire è meglio che curare. Anche ieri, contro il Genoa, con la sua assenza è mancato qualcosa a questa Lazio. Apprezzato da alcuni, meno da altri, il buon Stefano ha da sempre diviso l’opinione pubblica biancoceleste, divisa sul ritenerlo un ottimo calciatore o meno. Per gli automatismi di Petkovic, però, i suoi inserimenti hanno un unico sinonimo: imprevidibilità della manovra. Tutti a Formello sperano i travagli della scorsa stagione siano un lontano miraggio.

Mirko Borghesi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy