Mazzarri, “Occhio alla Lazio”

Mazzarri, “Occhio alla Lazio”

Mazzarri ha parlato in conferenza stampa della gara Napoli-Lazio. Queste le sue dichiarazioni inerenti alla gara: “Aldilà dell’episodio di Catania, questa squadra ha interpretato le partite quasi sempre in un certo modo. Domani affrontiamo una squadra ‘top’ del campionato. E’ una delle migliori come giocatori ed organizzazione che c’è, almeno…

Mazzarri ha parlato in conferenza stampa della gara Napoli-Lazio. Queste le sue dichiarazioni inerenti alla gara: “Aldilà dell’episodio di Catania, questa squadra ha interpretato le partite quasi sempre in un certo modo. Domani affrontiamo una squadra ‘top’ del campionato. E’ una delle migliori come giocatori ed organizzazione che c’è, almeno per me. Il pubblico sarà molto caldo per una sfida stupenda. Vediamo il bicchiere mezzo pieno, comunque, visto che Catania sarà un campo difficile per tutti. Ritorniamo alla normalità, pensiamo positivo contro la Lazio”.

 

Napoli-Lazio, sfida fra due deluse dall’ultima giornata: “Il calcio è questo. Nel calcio moderno bisogna sempre essere feroci, ad altri ritmi. Bisogna fare bene fase passiva e fase offensiva. Purtroppo questo a Catania non l’ho visto, e se affrontiamo una squadra forte come la Lazio nella stessa maniera, faremo una brutta figura”.

 

Ballottaggio a centrocampo Inler-Behrami contro la Lazio: “A Catania è stata solo una scelta tattica. Era ammonito in Sicilia e non volevo rischiare. Lo svizzero non è andato peggio di altri. Questa squadra se vuole acquisire una mentalità vincente deve pensare che la rosa è completa. Io devo poter scegliere tutti, per gli allenamenti, per la condizione, per l’avversario. Ci sono delle valutazioni anche di turnover da fare in vista di Sampdoria,PSV ed Udinese. Non farò tanti cambi, vedrò anche in funzione degli avversari. Chi sarà il più vicino a Klose, un vero fuoriclasse? Devo riflettere.”

 

La Lazio, avversario difficile: “Speriamo di essere stimolati. Non credo che con la rabbia che abbiamo ora ci sarebbero stati problemi anche con l’ultima in classifica. Il calendario dice questo, è una partita affascinante e bella. Saranno poi gli episodi a condizionare il risultato. Punti deboli dei biancocelesti? Credo che quando si fanno le cose da squadra si attacca sia centralmente, sia lateralmente. I nostri meccanismi ci permettono di liberarci, allargando la difesa per le percussioni centrali”.

 

Napoli unica rivale della Juventus: “Si pensa che fuoriclasse siano solo attaccanti e trequartisti. Ma secondo me dipende anche dai difensori. Vediamo ad esempio Thiago Silva che faceva la differenza. Ringrazio per l’opinione”.

 

La sfida con la Lazio: “Voglio vedere un Napoli aggressivo, che quando è in possesso di palla accellera e cerca di giocare da squadra sempre. Possiamo vincere se giochiamo da gruppo, altrimenti finiamo in un vicolo cieco. La formazione la farò comunque domani. Insigne? Non credo giocherà. Pandev e Cavani meritano di essere confermati”.

 

Mesto al posto di Maggio: “L’ho visto con l’AIK. Il ragazzo certe cose non le ha ancora acquisite. Visto che non ho tempo di migliorarlo oggi, è bene inserirlo più avanti. Maggio potrebbe essere al top. Cambiare gli esterni potrà essere valutato a Genova, contro la Samp”.

 

Candreva-Hernanes-Mauri, grandi qualità tecniche: “Centrocampo che possiamo assimilare al tipo di gioco che fa la Fiorentina. Evitiamo di fargli fare possesso palla.”

 

Mirko Borghesi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy