MERCATO: Breno, la moglie è infuriata. Lui cura il ginocchio..

MERCATO: Breno, la moglie è infuriata. Lui cura il ginocchio..

ROMA – Nel mese di Luglio, l’obiettivo di Tare e Lotito per rinforzare la difesa della Lazio, Breno, è stato condannato dalla giustizia tedesca a tre anni e nove mesi di carcere per l’incendio doloso causato nella casa in cui abitava. Il ‘caso Breno’ , che tanto ha fatto parlare…

ROMA – Nel mese di Luglio, l’obiettivo di Tare e Lotito per rinforzare la difesa della Lazio, Breno, è stato condannato dalla giustizia tedesca a tre anni e nove mesi di carcere per l’incendio doloso causato nella casa in cui abitava. Il ‘caso Breno’ , che tanto ha fatto parlare nei mesi scorsi, rischia adesso di complicarsi. Come riportato da ‘Bild’ infatti, l’avvocato del calciatore brasiliano, Werner Leitner, non avrebbe per nulla soddisfatto le aspettative del suo assistito e tantomeno quelle della moglie Renata. La sua strategia di difesa, ha portato , alla fine dei conti, alla prigionia di Breno e per questo motivo,la consorte del calciatore, avrebbe deciso di non pagargli una parte del compenso (il totale è di circa 150mila euro) a costo di rivolgersi ad un tribunale civile. In tutto questo trambusto, Breno, continua a scontare la sua pena, aspettando l’esito del ricorso presentato alla giustizia, per la condanna che lo punisce oggi con il carcere. Il difensore ex Bayern si comporta in maniera esemplare: “E’ una persona molto piacevole – afferma Jochen Menzel, responsabile del carcere – qui è molto popolare, ed è entrato pian piano nei cuori di tutti noi”. Breno però, pensa già al futuro, al calcio e forse alla Lazio. Per questo motivo, vuole recuperare anche dal brutto infortunio al ginocchio, grazie all’aiuto dello specialista osseo Menzel, che lo segue passo passo in prigione: “Vogliamo ristabilirlo completamente, in modo che una volta fuori di quì, potrà tornare presto a giocare a calcio”. Lotito lo aspetta.

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy