Nani contro quello che poteva essere il suo futuro: il retroscena

Nani contro quello che poteva essere il suo futuro: il retroscena

L’asso portoghese fu ad un passo dalla Juventus, e ora ha voglia di riscatto

di Simone Cesarei

ROMA- Finalmente Luis Nani. Il fiore all’occhiello del mercato biancoceleste è finalmente pronto a fare la differenza. Dopo aver saltato la prima parte di stagione a causa di un infortunio rimediato con la maglia del Valencia, Nani ha esordito prima della sosta nella goleada contro il Sassuolo. Uno spezzone di partita che è bastato a mandare in tripudio i tifosi biancocelesti, ora impazienti di vederlo dal primo minuto. L’ex Manchester United sarà sicuramente importantissimo per Inzaghi, dopotutto si tratta di un calciatore che in carriera ha vinto tutto ciò che si poteva vincere. Guai però a pensare che sia venuto a Roma per svernare: “La motivazione è fondamentale per me. Il mio obiettivo qui è aiutare la squadra in tutti i modi, portando tutta la mia esperienza. Sono molto motivato”. 31 anni, si, ma con lo spirito di un ragazzino. Nani ha ancora tanto da dare, cimentandosi in un campionato tattico e difficile come la Serie A. Ora starà ad Inzaghi sfruttare al meglio la fantasia e l’esperienza del portoghese, mettendola al servizio di un gruppo che ha trovato degli equilibri vincenti con il 3-4-2-1 del tecnico piacentino. Nani ha ribadito più volte che la posizione in campo non è affatto un problema, seconda punta o esterno d’attacco non fa alcuna differenza. L’importante è divertirsi, e far divertire, ovviamente.

INCROCI PERICOLOSI

nani-lazio

Nani titolare già dalla prossima, Inzaghi ci pensa. La Lazio sarà ospite della Juventus nell’anticipo di sabato alle 18, e l’esperienza del portoghese potrebbe essere determinante per provare a fare risultato nella tana dei Campioni d’Italia. E pensare che Luis sarebbe potuto essere dall’altra parte. Come rivela Federico Pastorello infatti: “Nani è stato vicinissimo alla Juventus, fino agli ultimi minuti del mercato invernale 2014-15 l’operazione era praticamente fatta. Il ragazzo si era impuntato, aveva accettato di abbassare le pretese economiche, ma poi certe promesse fatte anche ai dirigenti bianconeri non vennero mantenute e non se ne fece più nulla. Spiace perché in quell’anno Nani disputò una super annata segnando 4 gol in Champions”. Nani vicinissimo alla Juventus ieri, avversario oggi. Chissà se dopo la gara di sabato si mangierannno le mani in quel di Vinovo. Incroci pericolosi allo Stadium, per la Juventus.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy