Nesta:’Lasciare Roma è stato terribile’

Nesta:’Lasciare Roma è stato terribile’

Alessandro Nesta, ex capitano biancoceleste nella giornata di ieri a Bologna, ha disputato con il suo Montreal Impact un’amichevole contro la squadra rossoblù, persa per 1 a 0. Un ritorno su un terreno di gioco italiano, ma che rimarrà tale: “Tornerei volentieri, ma non ho più il fisico per giocare…

Alessandro Nesta, ex capitano biancoceleste nella giornata di ieri a Bologna, ha disputato con il suo Montreal Impact un’amichevole contro la squadra rossoblù, persa per 1 a 0.

Un ritorno su un terreno di gioco italiano, ma che rimarrà tale: “Tornerei volentieri, ma non ho più il fisico per giocare in Italia”, ha dichiarato in conferenza stampa.

Di derby ne ha giocati tanti con la maglia della Lazio: “Sta andando bene, al di là della sconfitta pesante di domenica passata, ma la Roma ha valori importanti, di conseguenza è impossibile dire come andrà a finire. Su una cosa sono straconvinto: sarà un derby estremamente bello, intenso, che saprà divertire la gente, anche se poi farà festa solo chi lo vincerà.- riportato dal Cds- Perché andando in Canada ho capito che si fanno troppo presto i funerali alle squadre, quando invece servirebbe un maggiore equilibrio – continua l’ex biancoceleste e rossonero- La Lazio? La vedo molto bene. E’ partita forte anche se adesso ha frenato un attimo. Domenica c’è il derby: mi aspetto una bella partita. Anche la Roma ha avuto difficoltà all’inizio, ma rimane una squadra difficile da affrontare”.

Per esigenze societarie Alessandro Nesta è stato costretto a lasciare la sua squadra del cuore, approdando al Milan:  “Al mattino mi allenavo con la Lazio, alla sera ero in campo con il Milan. Ero arrabbiato con Cragnotti, in realtà la cessione si è rivelata come un grandissimo colpo di fortuna, visto che con il Milan ho vinto tutto. Una situazione irreale. Anche se lasciare Roma è stato terribile”.

Con Lotito alla Lazio era nata l’ipotesi di un ritorno alla Lazio poi…: “Disse che ero vecchio e l’anno dopo vinsi la Champions. C’era anche lui allo stadio e si nascose dietro Galliani, in fondo avevo 30 anni, mica 38”.

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy