Petkovic cercherà la rivincita con il Tottenham..

Petkovic cercherà la rivincita con il Tottenham..

ROMA – Petkovic cercherà la rivincita con il Tottenham. Il precedente risale all’estate 2010. Gli Spurs di Harry Redknapp gli impedirono ai preliminari l’ingresso alla fase a gironi di Champions, ma lo Young Boys di Vlado fece un figurone, spaventando gli inglesi. Vittoria per 3-2 il 17 agosto nella partita…

ROMA – Petkovic cercherà la rivincita con il Tottenham. Il precedente risale all’estate 2010. Gli Spurs di Harry Redknapp gli impedirono ai preliminari l’ingresso alla fase a gironi di Champions, ma lo Young Boys di Vlado fece un figurone, spaventando gli inglesi. Vittoria per 3-2 il 17 agosto nella partita d’andata a Berna, sconfitta per 0-4 a Londra una settimana dopo. Ma la storia della doppia sfida è tutta da raccontare e con diverse curiosità. Intanto la prima è legata al modulo. In Svizzera ha fatto epoca il 3-4-3 dello Young Boys di Petkovic, ma in quella circostanza (altra conferma di pragmatismo) il tecnico di Sarajevo puntò sul 4-5-1, lo stesso modulo che sta adottando Nell’avvio di stagione con la Lazio. Lulic faceva il centrocampista sulla fascia sinistra e sbloccò il risultato della partita d’andata dopo appena 4 minuti. Al 13 il raddoppio di Bienvenu (ora attaccante del Fenerbahce) e al 28 il tris firmato da Hochstrasser. Dopo mezzora 3-0 per lo Young Boys. Partita riaperta al 43 del primo tempo grazie ad un colpo di testa di Bassong, abile a svettare sul calcio d’angolo di Bale. Petkovic aveva contrastato il fenomeno gallese con Sutter e Degen sulla fascia destra. A 7 dalla fine la doccia gelata con il gol di Pavlyuchenko: 3-2 finale e tutto rimandato a Londra. Stessa impostazione e Champions sfumata perché lo Young Boys era carente nel gioco aereo. Spurs a segno dopo 5: alla fine 4-0 con tripletta di Crouch (due di testa, uno su rigore) e guizzo di Defoe, tre assist e un rigore provocato da Bale, espulsione di Lulic per doppia ammonizione. Alla fine gli abbracci e i complimenti di Redknapp a Petkovic, che non ritroverà lo stesso Tottenham. Crouch non c’è più e neppure la stella croata Modric. La sfida in panchina sarà con Vilas Boas, figlioccio dello Special One.

Fonte: Il Corriere dello Sport – F.P.

Rob.Mac. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy