Petkovic, «Pronti per il Toro!»

Petkovic, «Pronti per il Toro!»

ROMA – “A quello che è accaduto ieri, sicuramente ci pensiamo, ma tutto quello che non è calcio, non dovrebbe interessarci. E’ un peccato, ma abbiamo dormito per un tempo e questo non deve accadere”. Esordisce così Vladimir Petkovic ai microfoni di Lazio Style Radio, dove il tecnico biancoceleste ha…

ROMA – “A quello che è accaduto ieri, sicuramente ci pensiamo, ma tutto quello che non è calcio, non dovrebbe interessarci. E’ un peccato, ma abbiamo dormito per un tempo e questo non deve accadere”. Esordisce così Vladimir Petkovic ai microfoni di Lazio Style Radio, dove il tecnico biancoceleste ha analizzato la sconfitta di ieri, maturata contro la Fiorentina di Montella – “Dobbiamo dire che l’avversario ha giocato un buon calcio, ha fatto una partita molto aggressiva. Noi eravamo consapevoli del fatto che loro non potevano tenere quel ritmo anche nel secondo tempo, ma dovevamo essere piu produttivi ed avere più personalità per fare poi la differenza attraverso questi fattori. Cosa ho detto ai giocatori dentro gli spogliatoi? Io volevo solo capire il loro momento, perchè non stavamo facendo bene. Gli ho detto che peggio di come stavamo facendo non potevamo fare. Abbiamo regito ma non abbiamo concretizzato. Gozalez e Candreva?La loro condizione è buona, ieri hanno corso molto. E’ normale che qualcuno, può essere un pò piu stanco, e vedendo le analisi che abbiamo fatto questa mattina, posso dire che non c’è nessuno che sta particolarmente male. Sono tutti in buona condizione. Ora dovrò adottare – sono obbligato – un miniturnover, abbiamo anche due squalificati. Viste le assenze il modulo tattico potrebbe cambiare, ma questo lo vediamo domani, quando la squadra sarà al completo. In funzione di questo, daremo una disposizione tattica. Che Torino mi aspetto? Ultimamente purtroppo arrivano sempre avversari arrabbiati, dopo una sconfitta. E’ una squadra tosta che ha piu difficoltà in casa che fuori. Con il 4-2-4 ha tante alternative. Ieri ad esempio hanno fatto riposare Bianchi per farlo giocare contro di noi, questo è un chiaro segnale che ci tengono alla partita contro di noi. Il nostro gruppo deve migliorare molto sotto l’aspetto mentale, che  hanno influito anche sulle tre sconfitte che sono arrivate contro Genoa, Napoli – dove ci ha condizionato anche un po’ l’ambiente –  e Fiorentina. I ragazzi li vedo comunque carichi, tante stanchezze possono derivare anche da fattori extra, non solo fisici. Viaggi, spostamenti e altro. Tuttavia noi non vogliamo scuse, bisogna lavorare e dare il massimo. Radu e Brocchi? Il loro problema è che arrivano da una lunghissima pausa e devono riprendere la condizione per poter disputare anche solo uno spezzone di partita. Lo stesso Ederson, dovrebbe rientrare dopo Catania. Dalla partita di ieri, abbiamo imparato che non si può regalare mai nulla all’avversario. Bisogna giocare per 90 minuti, invece abbiamo subito troppo l’avversario, sopratutto nel primo tempo, quando non avevamo punti di riferimento, perdendo anche diversi duelli in mezzo al campo, eravamo troppo arretrati. Dobbiamo certamente mantenere ottimismo, perchè in tutto questo periodo abbiamo perso solo tre volte. Dopo nove giornate non si può parlare di classifica. Ora bisogna lavorare e crescere. Anche dopo questa sconfitta, noi abbiamo il morale alto. Klose diffidato? Adesso c’è la partita con il Torino, al derby ci penseremo poi. Al massimo lo cambio contro il Catania..ma due minuti prima della fine (sorride ndr)”. Sul commento del Presidente del CONI Giovanni Petrucci, che ha elogiato Petkovic: “Le sue parole fanno piacere, io penso che si possono dire le stesse cose ma con eleganza e poi, quando le cose sono evidenti, non c’è bisogno di fare troppi commenti”. Finale su Zarate, ” Mauro sta bene fisicamente, io lo aspetto. La porta è sempre aperta, a tutti.”

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy