Petkovic:’La Lazio può battere le grandi’

Petkovic:’La Lazio può battere le grandi’

Vladimir Petkovic ha parlato ai microfoni Sky della partita Lazio-Milan, terminata con una grande vittoria biancoceleste: “Le ambizioni sono le stesse che avevamo prima di questa partita. Ora abbiamo solo la convinzione di poter vincere contro le grandi”. Lo Scudetto: “Hanno tutto il diritto gli altri di fare questi pensieri.…

Vladimir Petkovic ha parlato ai microfoni Sky della partita Lazio-Milan, terminata con una grande vittoria biancoceleste: “Le ambizioni sono le stesse che avevamo prima di questa partita. Ora abbiamo solo la convinzione di poter vincere contro le grandi”. Lo Scudetto: “Hanno tutto il diritto gli altri di fare questi pensieri. Noi rimaniamo con i piedi per terra e continuiamo a lavorare. Sul 3-0? Dopo il gol subito abbiamo rinunciato a giocare e poi eravamo stanco. Con i cambi il Milan ha ravvivato la sua manovra. Questi, comunque, sono tre punti fondamentali per il nostro cammino”.

 

Quando la squadra è stanca, come dovrebbe gestire il gioco la Lazio: “Dobbiamo rimanere più lucidi, non andare sempre in verticale, ma cambiare il gioco, spaccare il ritmo dell’avversario. Ci sono altre vie verso il gol”. Gonzalez inesauribile: “Spero riuscirà a riposare. Lui ha questo fisico a diesel. Si stanca difficilmente”. Il gol preso da De Jong, in fuorigioco, però ha manifestato uno strano movimento della difesa: “Dobbiamo cercare fino all’ultimo di rimanere alti, in marcatura. Ci siamo messi male, perché anche il primo uomo della barriera non stava posizionato bene. Non avevo visto il fuorigioco, ma questo non cambia niente”.

 

Candreva ed Hernanes: “Con il lavoro dentro al campo ho cercato di farli rendere al meglio. Inoltre fuori dal terreno di gioco ho parlato tanto con loro, ci siamo detti tutto. E vi dico di più, possono fare anche meglio”.

 

Marchetti: “Ha avuto un risentimento muscolare. Vedremo lunedì come sta. Non dovrebbe essere nulla di particolare, ma per Giovedi è difficile”.

 

Juve-Napoli 2-0: “Mah, il mio obiettivo è solo vincere con la Lazio. Se vinciamo, possiamo raggiungere quelli davanti, se perdiamo, è inutile pensare a loro. Questo risultato mi va bene, come mi sarebbero andati bene altri”.

In conferenza stampa, il tecnico della Lazio, ha poi aggiunto: “Sicuramente esame superato. Non a pieni voti, ma con voti chiari per vincere. Non mi è piaciuto il modo di stare in campo degli ultimi venti minuti. Abbiamo concesso al Milan il dominio del gioco, anche se poi tante occasioni non ne hanno avute. Hanno segnato su un calcio piazzato e su un tiro da fuori”. Come si può ovviare al problema: “Beh eravamo stanchi. Non si può per 90 minuti andare in verticale. Dobbiamo imparare a cambiare ritmo.”

Marchetti: “Non dovrebbe essere niente di grave. Vediamo Lunedi. E’ un leggero risentimento muscolare”.

Il Napoli è solo ad un punto. Il secondo posto si può: “Rimaniamo con i piedi per terra. E’ importante quando va bene analizzare anche le cose negative. Sulla classifica parlo poco. M’interessava vincere contro la grande squadra. Questo può portarci solo avanti. Entreremo ancora meglio in partita per vincere”. La crisi sul 3-0: “Il Milan ha fatto dei cambi in cui ha messo quasi 5 giocatori offensivi veloci. Mi serviva copertura dietro, con Cavanda, e Lulic avanti a sfruttare gli spazi. Abate arrivava giù troppo spesso.”Il gioco della Lazio, il migliore dopo la Juventus: “Sta a voi giudicare. A me non interessa. Abbiamo messo in campo fantasia, la fantasia di far male. Peccato che non siamo durati 90 minuti. Dobbiamo crescere ancora, per rendere l’avversario meno pericoloso”. La Lazio del primo tempo: “Ci sono diversi tipi di Lazio. Importantissimo che proprio stasera abbiamo dimostrato di poter giocare contro una grande”.

 

Mirko Borghesi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy