Primo inedito 2013: Petkovic vs Pulga

Primo inedito 2013: Petkovic vs Pulga

ROMA – Tra Lazio e Cagliari sarà scontro fra la rivelazione del campionato e la coppia che ha ancora tutto da dimostrare a questa massima serie. Allo stadio Olimpico di Roma, sulle panchine, prenderanno posto Vladimir Petkovic e l’inesperto duo tecnico formato da Ivo Pulga e Diego Luis Lopez. L’allenatore…

ROMA – Tra Lazio e Cagliari sarà scontro fra la rivelazione del campionato e la coppia che ha ancora tutto da dimostrare a questa massima serie. Allo stadio Olimpico di Roma, sulle panchine, prenderanno posto Vladimir Petkovic e l’inesperto duo tecnico formato da Ivo Pulga e Diego Luis Lopez. L’allenatore bosniaco è ormai la sorpresa del campionato fino a questo momento. Nessuno avrebbe scommesso su di lui ed una possibile permanenza che si potesse protrarre addirittura fino a dopo le feste natalizie. Ed invece, Vlado, oltre che il panettone sembra intenzionato a voler mangiare anche la colomba pasquale grazie al gioco superbo e la mentalità vincente che ha portato la Lazio alla seconda posizione di classifica. Sopra i romani solamente la Juventus che sembra ormai irraggiungibile, ma non di certo imbattibile. La coppia cagliaritana, invece, ha preso le redini della situazione sarda solamente il 2 ottobre del 2012, dopo l’esonero di Massimo Ficcadenti. Un Cagliari che non volava e che, alla prima partita dei due allenatori, ha portato a casa i tre punti contro il Torino di Giampiero Ventura. Da sette partite a questa parte, però, nonostante il gioco sia soddisfacente, i punti faticano ad accumularsi e la squadra isolana rimane in coda alla classifica: sotto ci sono solamente Palermo, Genoa e Siena. Eppure l’esordio ha consentito al Cagliari di eguagliare il Milan di Massimiliano Allegri con le quattro vittorie consecutive ad iniziare dalla settima giornata di campionato. Nel duo, poi, c’è una chiara gerarchia: Pulga al comando e Lopez come suo secondo. Per entrambi una carriera calcistica con importanti avventure cagliaritane: sei anni per il primo ed addirittura dodici campionati per il secondo.



Lopez, uruguaiano classe ’74, ha dieci anni in meno del suo compagno d’avventura ed ha appeso gli scarpini al chiodo di recente, precisamente, nel 2010. Stesso ruolo ma due lavori differenti: Pulga il tecnico e motivatore, con Lopez a coadiuvarlo, grazie ai ricordi meno sbiaditi dei tempi recenti in cui, i campi da calcio, li calpestava. Per lui anche una parentesi da allenatore della Primavera sarda, per poi approdare sulla panchina della prima squadra che, però, non raggiunge da troppo tempo risultati positivi. La coppia traballa, ma non lo si deve certamente alla mancanza di esperienza in serie A, visto il loro avversario, che ha preso la panchina laziale a secco di stagioni italiane. Per i cagliaritani si parla di un modulo non troppo offensivo che, nonostante il tridente, si appoggia alla difesa a quattro di cui Davide Astori è il pilastro. Davanti, Pinilla, è il maggior esperto, vista la giovane età di un Marco Sau a cui viene lasciato poco spazio, nonostante un passato ricco di gol. Si punta tutto sul cuore di Cossu e la tecnica di un Nainggolan osservato da tanti club in tempo di calciomercato. Le strategie di Petkovic, invece, si conoscono e spaventano l’avversario: imposizione del gioco a carattere offensivo. Il modo per batterlo però non è difficile da trovare: se Miroslav Klose o Hernanes non bucano la rete, mettere in crisi i biancocelesti è sin troppo semplice. E’ questo che continua a preoccupare i tifosi che ripongono nella sessione invernale di mercato tutte le loro speranze per non gettare al vento quanto raggiunto fino ad oggi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy