Radu goleador: ”Ora con Petkovic….”

Radu goleador: ”Ora con Petkovic….”

ROMA – Un momento d’oro per Stefan Radu, finalmente uscito dal calvario dei problemi al ginocchio che hanno condizionato la stagione passata. Con il suo rientro a pieno regime la difesa laziale è diventata impenetrabile(3 gol subiti in 12 partite ndr), oltretutto ha recentemente gioito del primo gol con la…

ROMA – Un momento d’oro per Stefan Radu, finalmente uscito dal calvario dei problemi al ginocchio che hanno condizionato la stagione passata. Con il suo rientro a pieno regime la difesa laziale è diventata impenetrabile(3 gol subiti in 12 partite ndr), oltretutto ha recentemente gioito del primo gol con la maglia biancoceleste. Il difensore romeno racconta il suo momento in un’intervista rilasciata ai microfoni di Lazio Style Radio

Questa classifica vi fa sognare?

“No, non la guardiamo neanche e lo faremo solo alla fine. Intanto se ripetessimo il girone d’andata sarebbe una grande cosa”.

E il tuo sogno laziale?

“La Champions League!”

Cosa fare per continuare su questa strada?

“Non abbassare i ritmi e continuare a lavorare, allora i risultati verranno. Dopo ogni vittoria bisogna subito pensare alla gare successiva”. 

Che ne pensi della definizione Anti-Juve?

“Che se continuiamo così possiamo dare fastidio a tutti. L’importante è continuare a rimanere alle spalle della Juventus”.

Quali le difficoltà maggiori incontrate fin ora?

“Nelle ultime tredici partite abbiamo passato un bel periodo, le ho dimenticate…”

Poi crescono i giovani come Cavanda, Rozzi e Onazi…

“Stanno dimostrando che la Lazio si può fidare di loro. Noi li consigliamo quotidianamente…anche con qualche scapaccione! Però non solo loro devono imparare, anche io potrei farlo da Beppe Biava”

E’ cambiato qualcosa? Prima non andavi mai a saltare sui corner…

“Negli anni passati, sulle ripartenze da calcio d’angolo, rischiavamo molto e per questo rimanevo dietro. Ora con Petkovic provo sempre anche in allenamento, così mi porto in area”.

Cosa ha portato il nuovo tecnico?

“Grandi risultati, fin ora. Con Petkovic si lavora tanto. Ci spiega tante cose e sa leggere molto bene le partite. Speriamo di continuare così. Quello che conta è rimanere uniti e, ogni giorno che passa, lo siamo sempre di più”.

Due gol quest’anno, quale più difficile?

“L’ultimo contro il Catania. Avevo tre giocatori su di me, ma sono stato furbo e sono riuscito a segnare”

E farlo nel derby?

“Magari!”

Intanto, da quando sei tornato, la Lazio ha subito solo 3 reti. Forse un terzino sinistro non serve così tanto..

“Non so, magari porto fortuna! Sono soddisfatto, ma credo che si parlerà ancora di un terzino sinistro, anche se con gente che sa fare gol è meglio uno che difende. L’importante è che io stia bene fisicamente, allenarmi al 100% per dare tutto, cosa che l’anno scorso non ho potuto fare”

Ti trovi meglio con la difesa a tre o a quattro?

“Mi vanno bene entrambi i sistemi.  Dipende dal quello che vuole il mister. La differenza è che quando giochi a tre devi essere sempre in movimento, pronto a coprire se l’esterno non rientra”

Quest’anno la difesa della Lazio è tra le migliori…

“Anche negli anni scorsi lo era. Siamo rimasti gli stessi e Ciani si è integrato benissimo, sarebbe stato strano se andasse male. Grazie al mister, la domenica prima del fischio d’inizio, già sappiamo quello che dobbiamo fare”


Cittaceleste.it – Fonte: LazioStyleRadio

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy