Reja spinge la Lazio – ”E’ l’anno giusto per..”

Reja spinge la Lazio – ”E’ l’anno giusto per..”

ROMA – Nella giornata di ieri, ai microfoni di RadioSei, è intervenuto l’ex allenatore della Lazio Edy Reja, che è tornato sulla sua esperienza vissuata sulla panchina della Lazio e non solo. Ecco quanto evidenziato da Cittaceleste: “Ricevere testimonianze di affetto – ha esordito Reja- da parte dei tifosi laziali…

ROMA – Nella giornata di ieri, ai microfoni di RadioSei, è intervenuto l’ex allenatore della Lazio Edy Reja, che è tornato sulla sua esperienza vissuata sulla panchina della Lazio e non solo. Ecco quanto evidenziato da Cittaceleste: “Ricevere testimonianze di affetto – ha esordito Reja–  da parte dei tifosi laziali mi rende felice. Un ringraziamento, lo voglio però rivolgere anche alla Lazio, che nei due anni in cui sono stato a Roma, mi ha permesso di lavorare bene, con qualche sacrificio, ma ottenendo risultati ottimi, come accaduto lo scorso anno. Non aver raggiunto la Champions, ha fatto si che io abbandonassi la panchina della Lazio: era l’obiettivo che mi ero prefissato. La squadra di oggi, è molto simile alla mia e Petkovic ha saputo dare ai ragazzi mentalità, gioco e convinzione. Il rapporto che ho avuto con tutti i calciatori biancocelesti, è stato ottimo”.




// ]]>

“Quando sono arrivato c’erano problemi, ma con il lavoro, tutti insieme, abbiamo tirato fuori delle belle prestazioni e un bel gruppo, composto da uomini veri. Quest’anno a differenza della scorsa stagione, la rosa della Lazio ha molta disponibilità: avevamo puntato su Cissè, ma non si è rivelato funzionale al progetto. Su Zarate invece, sono andato un po’ in difficoltà con i laziali. Era il loro pupillo, ma forse oggi, la gente ha capito quale era il mio modo di valutare i giocatori secondo il loro atteggiamento più propenso al sacrificio. Questo – ha detto tornando al presenteè l’anno buono per la Lazio, per andare in Champions. I mezzi ci sono, e se non capiteranno infortuni, l’Europa che conta può essere raggiunta. Lotito e Tare hanno lavorato bene in questi anni, è giusto che si tolgano delle soddifazioni“.

L’ultima considerazione, Reja la riserva proprio al rapporto con la società, nello specifico, con Claudio Lotito: “Qualcosa si è incrinato nel momento in cui ho rassegnato le dimissioni, poi andando avanti, ci siamo riappacificati. Il mio futuro? Ho ricevuto delle offerte che ho rifiutato. Se capita qualcosa che può stimolarmi, allora vado”.

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy