Rinvio per Mauri, sentenza Tnas solo a gennaio

Rinvio per Mauri, sentenza Tnas solo a gennaio

ROMA – Stefano Mauri deve ancora aspettare. Almeno un altro mese, nella speranza di uno sconto di pena. Era tutto pronto per la discussione del ricorso al Tnas del centrocampista della Lazio contro la squalifica di 9 mesi. La prima udienza si sarebbe dovuta tenere lunedì e la concomitanza con…

ROMA – Stefano Mauri deve ancora aspettare. Almeno un altro mese, nella speranza di uno sconto di pena. Era tutto pronto per la discussione del ricorso al Tnas del centrocampista della Lazio contro la squalifica di 9 mesi. La prima udienza si sarebbe dovuta tenere lunedì e la concomitanza con Lazio-Napoli avrebbe costretto il collegio a chiudere i lavori entro il primo pomeriggio. Ma dietro il rinvio c’è (soprattutto) altro. I legali della Federcalcio, Luigi Modugno e Letizia Mazzarelli, hanno infatti ricevuto solo nelle ultime ore i «motivi aggiuntivi» che gli avvocati di Mauri (Amilcare Buceti e Matteo Melandri) hanno presentato al collegio. Per regolamento la controparte, nel caso specifico la federazione, ha 20 giorni di tempo dal momento della ricezione per depositare la propria replica. Ecco perché è difficile immaginare, a questo punto, che l’udienza davanti al Tnas si svolga prima del 15 dicembre.

 

Udienza che probabilmente non sarà l’unica, visto che la prima giornata servirà al collegio (Zaccheo-Calvi-Benincasa) per tentare la conciliazione. Con le festività natalizie di mezzo, dunque, la sentenza non arriverà prima di gennaio. Mauri è ora squalificato fino al 2 maggio: qualora cadesse la seconda omessa denuncia (Lecce-Lazio), ogni giornata del 2014 potrebbe essere buona per il rientro. Ecco perché il centrocampista ha fretta.

Gazzetta dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy