RITIRO – Ledesma: “Biglia? Se sarà più forte…” – VIDEO

RITIRO – Ledesma: “Biglia? Se sarà più forte…” – VIDEO

AURONZO DI CADORE – Terza conferenza stampa ai piedi delle Dolomiti per la Lazio di Mister Petkovic , stagione 2013-2014. Ai microfoni dei giornalisti presenti nel gazebo adiibito a Sala Stampa dello Stadio Zandegiacomo si è presentato il numero 24, Ledesma. Ottava stagione in biancoceleste per il centrocampista argentino. Prima…

AURONZO DI CADORE – Terza conferenza stampa ai piedi delle Dolomiti per la Lazio di Mister Petkovic , stagione 2013-2014. Ai microfoni dei giornalisti presenti nel gazebo adiibito a Sala Stampa dello Stadio Zandegiacomo si è presentato il numero 24, Ledesma.

Ottava stagione in biancoceleste per il centrocampista argentino. Prima domanda, naturalmente, da parte di una tifosa, Anna, che ha recapitato le sue curiosità all’ufficio stampa biancoceleste:
LA CONCORRENZA
“Non mi cambia niente. Ognuno sa quello che può dare alla squadra. Molti devono ancora inserirsi, per capire che caratteristiche hanno. Se siamo 10, 5 o 2, si procede alla stessa maniera”.
DIMENTICHIAMO IL 26 MAGGIO, L’IMPERATIVO
“Diciamo che l’imperativo è cercare di fare meglio dell’anno scorso. Non possiamo vivere della finale vinta. Iniziato un nuovo ritiro per un nuovo campionato, bisogna mettere la testa a posto e guardare avanti”.
SOLO 12 MILA ABBONATI
“Non ho mai fatto calcoli. Sono del parere che non dobbiamo chiedere a parole qualcosa alla gente, ma in campo. Dopo la finale di Coppa Italia cercheremo di fare altrettanto nella Supercoppa Italiana. Penso che con l’entusiasmo nostro, della società, potremo aumentare questo numero. Giocare bene per stimolarli a venire a vederci”.
ITALIA SUDAMERICANA
“Sono contento che siano arrivati questi ragazzi, a prescindere da dove vengano. L’importante è che la società, come sta facendo, lavori bene”.
PERICOLO APPAGAMENTO
“Migliorarsi vuol dire quello. Abbiamo vinto la finale con la Roma, tutto quello che volete, ma quello che non è stato fatto bene l’anno scorso va migliorato. C’è da portarsi dietro l’esperienza in Europa League, ed imparare dagli errori. Non si cancella nulla naturalmente”.
NON RIPETERE GLI ERRORI DEL PASSATO
“Noi vogliamo fare meglio sotto qualsiasi aspetto. All’inizio della stagione siamo arrivati a 2 punti dai primi della classifica e bisogna mantenere la testa a certi livelli anche quando giochi domenica, giovedi, domenica. Quello serve anche per affrontare mentalmente, aspetto che dobbiamo migliorare, quelle squadre che magari riposano.”
HERNANES
“E’ importantissimo averlo con noi, e sta con noi. Siamo tranquilli, fa ancora parte di questa Lazio, quindi non vedo perchè dobbiamo pensare che non ci sarà. Ha vinto un torneo importante con il Brasile e si sta riposando dopo aver dimostrato che ha qualcosa in più”.
STAGIONE NUMERO OTTO
“Obiettivo personale è di portare a casa qualche altro trofeo. Facendo bene il gruppo, si esalta il singolo. E’ stato molto bello, oltre alla Coppa Italia, aver giocato partite importanti in Germania e in Turchia durante l’Europa League. A questi livelli voglio restarci. Se noi riusciamo a migliorare quello che abbiamo fatto l’anno scorso, le soddisfazioni personali ci saranno”.
JUVENTUS IN POLE POSITION. LE GERARCHIE.
“Sono sempre dell’idea che in campo si dimostra se siamo da 3, 4 o 5 posto. Non mi ricordo da quando sono in Italia che ci siano stati campionati facili. Non penso che sia diversa questa stagione. Anche le squadre che cambiano poco e mantengono una struttura solida, sono pericolose, soprattutto se aggiungi qualche ritocco”.
ARRIVA BIGLIA
“Lo conosco, è un nazionale argentino che ha fatto molto bene in Belgio. In Argentina si parlava molto bene di lui. Le sue caratteristiche le conoscete, aspettiamo che arrivi. Giocare insieme è un’eventualità che valuterà il Mister. Il nostro compito è farlo inserire il prima possibile, a me non cambia niente. Io penso solo alla Lazio, è il benvenuto un giocatore così. Io so semplicemente quello che io posso dare, così come lui saprà cosa può dare. La concorrenza non crea problemi”.
ZARATE
“Non mi ha dato fastidio e non voglio rispondere perchè la situazione si porta avanti da tanto e ancora deve arrivare ad un finale. C’è poco da dire visto che non ha fatto nomi e non è qua. Noi pensiamo alla Lazio, la nostra testa è qua, isolandoci da questi problemi. Quando tutto sarà deciso valuteremo. Non c’è neanche delusione, io lo conosco Mauri. Non sono stato con lui sei mesi, ma quando era qua ho visto che ragazzo è. Bisognerebbe capire se l’ha detto lui, o qualcuno l’ha messo in mezzo. Tratte conclusioni ora è sbagliato. Io non ho mai parlato con lui al di fuori da qua, e non so bene. Sono tutte storie a se,cose lunghe, difficili, io le ho vissute, quindi vediamo”.
LA JUVE E’ LA PIU’ FORTE. STIMOLO SUPERCOPPA.
“Lo ha dimostrato aldilà degli ultimi rinforzi nel gioco e nei risultati. Tutta la stagione che abbiamo davanti ci stimola. Non pensiamo certo alla fatica, questa Supercoppa è un motivo d’orgoglio, perchè tante squadre vorrebbero stare al nostro posto.”
LA LAZIO E’ PIU’ FORTE
“Non mi piace questo discorso. Dal 18 lo capiremo in campo. Non dichiariamo posti o obiettivo, lasciamo che il campo parli per noi”.
IL MONDIALE
“La verità oggi dice che sono arrivato in Nazionale e non ci sono più tornato. Non ci penso perchè non sono nei piani dell’allenatore. A che serve dire che ci spero. Non faccio parte del progetto”.
QUANTO CI TIENI ALLA SUPERCOPPA VISTO CHE A PECHINO NON C’ERI
“Ci tengo tanto dopo aver vinto sul campo la finale di Coppa Italia. Il passato, l’altra Supercoppa, non conta più per me, e quindi ci tengo per il trofeo e per la Juventus, avversario forte. La partita rappresenta tantissimo”.
BIGLIA CONCORRENTE PERSONALE
“Non lo vedo così, lo vedo come un nuovo compagno che darà una mano alla squadra rendendola più forte. Per me comanda il campo. Io ho sempre accettato la panchina o quello che è. Deciderà il Mister. Se Biglia si rivelerà più forte di me, non finisce certo il mondo se giocherà lui”.


Mirko Borghesi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy