Sconcerti, “Con Petko la Lazio..”

Sconcerti, “Con Petko la Lazio..”

ROMA – Durante l’appuntamento su Sky con ‘Terzo Tempo’, Mario Sconcerti ha detto la sua riguardo la corsa scudetto, in cui, a suo modo di vedere, la Lazio deve essere inserita obbligatoriamente. Ecco quanto evidenziato da Cittaceleste. “La Lazio in corsa peril tricolore? Intanto, Laziali, provate a pensarlo voi, se…

ROMA – Durante l’appuntamento su Sky con ‘Terzo Tempo’, Mario Sconcerti ha detto la sua riguardo la corsa scudetto, in cui, a suo modo di vedere, la Lazio deve essere inserita obbligatoriamente. Ecco quanto evidenziato da Cittaceleste. “La Lazio in corsa peril tricolore? Intanto, Laziali,  provate a pensarlo voi, se ci credete. Io sono convinto di una cosa che dicevo lo scorso anno, dicevo due anni fa e che dico a maggior ragione quest’anno sulla Lazio. Quando dopo 8-10-12 partite, ci si trova in queste posizioni, con distanze accettabili, più che accettabili dalle prime, è un dovere crederci perchè poi, male che ti va, arrivi quarto, ma se vuoi arrivare quarto, allora devi puntare al campionato. Se punti al quarto posto arrivi settimo. E’ ovvio che bisogna essere minimamente attrezzati. La Lazio, come modo di essere è molto vicina al Napoli, nel senso che ha 2-3 giocatori decisivi, nettamente superiori agli altri, come Hernanes e Klose. La Lazio deve semplicemente sperare di averli sempre a disposizione o comunque il più possibile, perchè poi con una squadra abbastanza fisica, ma con giocatori che sanno anche giocare la palla come Candreva, Mauri o Gonzalez, obblighi i tuoi avversari a fare un sacco di fatica per batterti. La Lazio – credo sia un dato molto importante – è una squadra che ha segnato 4 volte 3 gol in 8 partite. Questo significa che hai un gioco e che hai chi te lo sa finalizzare. Sono in linea con chi dice che la Lazio deve puntare, con Petkovic, alla vittoria del campionato. Lui è meno Italiano, uno che opprime un po’ meno. Lascia giocare i suoi calciatori, una volta costruito un suo apparato, lascia a loro le scelte per ubbidirgli. Reja invece, come tutti gli allenatori Italiani, è molto più attaccato ai giocatori.”

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy