Sculli, chiesti tre mesi di squalifica

Sculli, chiesti tre mesi di squalifica

ROMA – Questo pomeriggio l’attaccante si è recato presso gli uffici della FIGC per presentarsi di fronte al Procuratore Federale Palazzi e rispondere ad alcune domande relative all’inchiesta legata al blocco della partita Genoa-Siena, risalente al 22 aprile scorso. Sculli era accompagnato dal suo pool di legali per chiarire la…

ROMA – Questo pomeriggio l’attaccante si è recato presso gli uffici della FIGC per presentarsi di fronte al Procuratore Federale Palazzi e rispondere ad alcune domande relative all’inchiesta legata al blocco della partita Genoa-Siena, risalente al 22 aprile scorso. Sculli era accompagnato dal suo pool di legali per chiarire la sua posizione riguardo alla gara in questione. Secondo il numero uno della procura, il calciatore calabrese “Ha dato dichiarazioni non veritiere in quanto era a conoscenza dell’organizzazione preventiva della contestazione nonchè della preordinazione dei tumulti per la gara Genoa-Siena, perchè riferitagli direttamente da uno dei capi ultrà della tifoseria del Genoa e per aver poi intrattenuto contatti con alcuni esponenti della tifoseria ultrà locale.”“.

Per il biancoceleste chiesti tre mesi di squalifica e 30mila euro di multa. La medesima cifrà dovrà essere pagata da ogni tesserato coinvolto. Combinati 300 mila euro al Genoa e 100mila a Preziosi.

Per quanto riguarda i giocatori in attesa di giudizio troviamo:  Sebastien Frey, Andreas Granqvist, Marco Rossi, Rodrigo Palacio, Giandomenico Mesto, Cesare Bovo, Juraj Kucka, Alberto Gilardino, Davide Biondini, Luis Miguel Pinto Veloso, Jose Eduardo Bischofe, Valter Birsa, Kahka Kaladze, Jorquera Torres Cristobal, Giuseppe Sculli e Luca Antonelli: tutti, all’epoca dei fatti, tesserati per il Genoa.

 

 



Francesco Pagliaro / Francesca Cuccuini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy