SERIE A – Contro il Genoa, il problema sarà..

SERIE A – Contro il Genoa, il problema sarà..

Il problema adesso è ricollegarsi alla serata magica della vittoria contro la Juventus in Coppa Italia, che ci ha dato ancora più convinzione», cancellando quello che c’è stato subito prima e subito dopo. Oggi, in casa del Genoa appena rimesso a nuovo con nove acquisti, la Lazio proverà a scordarsi…

Il problema adesso è ricollegarsi alla serata magica della vittoria contro la Juventus in Coppa Italia, che ci ha dato ancora più convinzione», cancellando quello che c’è stato subito prima e subito dopo. Oggi, in casa del Genoa appena rimesso a nuovo con nove acquisti, la Lazio proverà a scordarsi lo scivolone col Chievo, ad assorbire il lungo stop di Hernanes e, soprattutto, a mettersi dietro le spalle un mercato che ha tolto molto praticamente senza dare. Petkovic è rimasto di sale, si aspettava un aiuto da parte della società, a maggior ragione se si dà un’occhiata alla concorrenza, uscita da gennaio ancora più forte e agguerrita: «Ora non voglio mettere benzina sul fuoco – ha commentato il tecnico – Lascio perdere e mi concentro per il futuro. Non cambio i miei pensieri, sono contento dei giocatori che ho e cercherò di ottenere il massimo possibile da loro». Sedici partite in campionato con il piazzamento Champions da proteggere, la finale di Coppa Italia e minimo due gare di Europa League, poi si tireranno le somme e si faranno delle scelte.

Al momento è meglio ingoiare il rospo per un mercato senza colpiMa tanto Felipe Anderson non è mica Messi», ha commentato Lotito) e concentrarsi su una stagione finora straordinaria. Per capire come può evolvere l’interesse di Inter e Borussia Dortmund c’è tempo: «Sono molto contento di essere alla Lazio – ancora Petkovic – qualche mese fa né io né nessun altro si aspettava tutto questo, sono concentrato e darò tutto me stesso. Rinnovo? Sto bene così come sto. È inutile smuovere le acque in questo ambiente, preferisco che le acque siano calme». E se la calma è solo apparente poco importa. La contingenza della partita col Genoa dell’ex al veleno Ballardini soffoca qualsiasi altra questione, dall’evidente stato di affaticamento del gruppo («Il Genoa si è rinforzato, ma è importante che noi ritorniamo ad essere quelli di qualche mese fa, dobbiamo tornare a dominare l’avversario»), all’infortunio che terrà fuori per un mese il generatore del gioco della Lazio: «Spero che Hernanes rientri il prima possibile, mi auguro che non abbia nessuna complicazione e sono sicuro che tornerà quello di prima – ha detto «Petko» – Chi manca ci manca, in ogni caso tutti sono utili e nessuno indispensabile». Tecnico escluso.

Fonte: Il Corriere della Sera

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy