SERIE A: Lazio-Udinese 3-0, RIVIVI LA DIRETTA

SERIE A: Lazio-Udinese 3-0, RIVIVI LA DIRETTA

AGGIORNA SPESSO LA PAGINA PER SEGUIRE TUTTI GLI AVVENIMENTI DELLA PARTITA (PREMI F5)DIRETTA LIVE A CURA DI: Francesco D’Andrea – cittaceleste.itFINISCE LA PARTITA. LA LAZIO BATTE L’UDINESE PER 3 GOL A 0. BUONISSIMA PROVA DEI BIANCOCELESTI.45’+ Cavanda recupera un’ottima palla, si invola sulla fascia, vede Klose libero e lo serve.…

AGGIORNA SPESSO LA PAGINA PER SEGUIRE TUTTI GLI AVVENIMENTI DELLA PARTITA (PREMI F5)
DIRETTA LIVE A CURA DI: Francesco D’Andrea – cittaceleste.it

FINISCE LA PARTITA. LA LAZIO BATTE L’UDINESE PER 3 GOL A 0. BUONISSIMA PROVA DEI BIANCOCELESTI.

45’+ Cavanda recupera un’ottima palla, si invola sulla fascia, vede Klose libero e lo serve. La girata del tedesco si infrange contro un difensore bianconero.

45′ Recuper nel secondo tempo: 2 minuti.

45′ In questo momento la partita ha i ritmi molto blandi. La Lazio gestisce e l’Udinese sembra ormai aver perso tutte le speranze.

42′ Angolo per l’Udinese che effettua anche un cambio: Coda esce e Heurtaux prende il suo posto.

39′ Dopo una bella giocata di Lulic, Mauri si ritrova la palla in aria e tenta il tiro. Palla deviata da un difensore bianconero.

38′ L’Udinese tenta un cross al centro dell’area. Nulla di fatto, la palla finisce fuori.

37′ Ultima sostituzione per la Lazio: entra Lulic e prende il posto di Candreva.

35′ La curva Nord decida un coro al nostro allenatore: Vladimir Petkovic.

34′ Mauri cerca di servire in avanti Miroslav Klose. La palla si rivela troppo lunga e la difesa spassa in fallo laterale.

30′ La partita in questo mometno è molto più lenta rispetto a prima. La Lazio cerca di gestire l’importante vantaggio senza però dare spazio al gioco dell’Udinese che con difficoltà riesce a portarsi in avanti.

28′ Udinese in avanti. Un cross al centro dell’area laziale viene deviato di testa ma la passa finisce fuori, alta sopra la traversa.

24′ Candreva tenta il tiro dopo uno scambio con Ledesma. Palla lenta che termina fuori senza problemi per l’Udinese.

22′ Il difensore rientra in regolarmente in campo.

21′ Gioco fermo per permettere i soccorsi a Ciani, rimasto a terra dopo uno scontro di gioco.

20′ Altro cambio per la Lazio: dentro Cana, fuori Ledesma.

19′ Mauri tenta di servire al centro cercando il colpo di testa di Klose. Brkic blocca in aria.

18′ Armero tenta il tiro dalla distanza. Palla ampiamente fuori.

Ottima la punizione del brasiliano. La palla palla sopra la barriera e si insacca in rete alla destra di Brkic che non può nulla.

14′ GOOOOOOOOOOOOLLLLLL Hernaneeeeeees. Lazio 3, Udinese 0

13′ Fallo dal limite su Klose. Punizione per la Lazio.

11′ Klose si ritrova la palla sui piedi a pochi metri dalla porta. Tenta il tiro ma viene deviato da un difensore.

7′ In curva Nord viene esposto il seguente striscione: “Stoltezza ad idiozia non albergano in questa curva…
…giù le mani dalla Lazio e dai laziali!”

5′ Perfetto il lancio di Ledesma che trova Candreva. Il numero 87 punta l’avversario ma perde la palla.

4′ Kozak e Lulic iniziano il riscaldamento.

La Lazio manda in campo Hernanes al posto di Ederson.

INIZIO SECONDO TEMPO

Una buona Lazio nei primi 45 minuti. Ottima la prestazione di Cavanda e di Biava. Buona quella degli altri biancocelesti. Si va negli spogliatoi con il risultato di 2 a 0.

FINE PRIMO TEMPO

45′ Saranno due i minuti di recupero nel primo tempo.

45′ La Lazio dopo il due a zero si è un po’ fermata, lasciando qualche spazio in più all’Udinese. Il tutto senza correre troppi pericoli.

41′ Grave errore di Ciani che si fa rubare la palla da dietro. Ottimo l’intervento di Biava che recupera immediatamente il pallone.

40′ Sul tiro di Di Natale Marchetti non riesce nella presa. Fortunatamente nessun giocatore dell’Udinese è pronto per ribadire in rete.

40′ Punizione dal limite per l’Udinese dopo un fallo di Ledesma che viene anche ammonito.

39′ Gonzales esce dal campo dopo un fallo. L’uruguaiano sembra già pronto per rientrare.

35′ L’Udinese si porta vicino al gol. Dall’angolo un bianconero riesce a deviare il pallone che esce poco al lato del palo alla destra di Marchetti.

34′ Angolo per l’Udinese.

Altro contropiede della Lazio. Questa volta Mauri riesce a servire al meglio Klose al centro. Il tedesco si ritrova solo davanti al portiere. Pattone destro verso l’angolino in basso a destra e la Lazio si porta sul 2 a 0.

31′ GOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLL Miroslav Klose. Lazio 2, Udinese 0

30′ La Lazio è padrona della partita. Cerca di costruire gioco e di avvicinarsi all’area di Brkic. Fino ad ora l’Udinese è riuscita a coprire molto bene le varie occasioni create dai biancocelesti.

27′ Altro contropiede sciupato. Candreva se ne va sulla fascia. Serve al centro ma i biancocelesti presenti si disturbano l’un l’altro facilitando l’intervento dei difensori dell’Udinese. In questo momento il gioco è momentaneamente fermo per permettere i soccorsi ad un centrocampista bianconero.

26′ Dopo il tiro dall’angolo esce male Brkic, la palla si alza in un pallonetto che serve Ederson con la porta completamente sguarnita. Il brasiliano, clamorosamente, cicca il tiro.

25′ Ottimo contropiade di Candreva che si fa tutto il campo, si presenta davanti al portiere. Tenta il tiro ma Brkic riesce a deviare in angolo.

24′ Prima sostituzione per l’Udinese: Domizzi lascia il posto a Angella.

23′ Angolo per la Lazio. Un passaggio al centro di Candreva stava per trasformarsi in un ottimo assist.

22′ Ottima palla a servire Candreva, il numero 87 vede e prova a servire Mauri al centro dell’area. Palla facile per Brkic.

Una bella azione, nata da un contropiede poi sfumato. La palla arriva sui piedi di Klose che tocca subito sul lato sinistro all’interno dell’area per Gonzales. Piattone del numero 15 e la Lazio è in vantaggio.

18′ GOOOOOOOOOOOOOLLLLLLL Gonzales porta la Lazio in vantaggio. 1 a 0 Lazio.

16′ Di Natale colpisce la traversa. La palla poi finisce in area e un bianconero la spedisce fuori.

16′ Punizione per l’Udinese dopo il fallo di mano di Cavanda.

Ledesma è sembrato un po’ troppo lento nell’esecuzione del rigore. Il tiro, allo stesso modo si è rivelato lento e di facile intuizione. Brkic non si è fatto sorprendere.

13′ Parato. Brkic riesce a fermare il pallone, tirato in basso a sinistra e a mandarlo in angolo.

11′ Rigore per la Lazio. Dopo l’angolo c’è stato un tocco di mano di un difensore dell’Udinese. Dopo qualche attimo di esitazione Calvarese ha indicato il dischetto. Ledesma si incarica di battere il rigore.

11′ Angolo per la Lazio.

9′ Ledesma serve ottimamente Mauri sulla fascia sinistra. Quest’ultimo stoppa la palla e cerca Klose al centro dell’area. La difesa bianconera spazza via la palla.

6′ Buona azione veloce della Lazio con Candreva che trova Cavanda sulla fascia. Il difensore di accentra, passa a Klose che a sua volta la da a Mauri. Palla lunga che il numero 6 spedisce fuori.

4′ Fallo su Klose. Punizione dalla sinistra, dai 35 metri.

2′ Inizia subito bene la Lazio. Candreva sulla destra recupera un buon pallone, si avvicina e tenta il tiro. Palla fuori.

INIZIO PRIMO TEMPO

20:43 Le due squadre fanno il loro ingresso in campo. Dagli altoparlanti forte suona “Non mollare mai”! Forza Lazio….

20:40 Inizia l’elenco dei giocatori della S.S. Lazio

20:35 E’ arrivato il momento del volo di Olympia. Spettacolare come sempre!

20:18 Le due squadre in questo momento sono sul campo ed effettuano il riscaldamento pre-partita.



NON PERDERE LA DIRETTA LIVE DELLA PARTITA DALLE 20.45



 

ROMA –  E’ passata quasi una settimana, eppure nell’aria, c’è ancora l’odore della leggenda, del sogno, del brivido sulla pelle, che giovedì scorso, ha pervaso i laziali di ogni generazione, quando Paul Gascoigne è tornato sotto la Curva Nord, con gli occhi lucidi e tanta gioia dentro al cuore, in occasione della partita di Europa League fra Lazio e Tottenham. Immaginavamo che l’emozione sarebbe stata molta, ma quando dalle parole, si passa ai fatti, non è mai la stessa cosa. I laziali hanno ritrovato Gazza e Gazza, ha ritrovato il sorriso, quello che gli mancava da qualche tempo, quello liberatorio, fresco, spensierato, che ti viene poche volte nella vita. “Erano 20 anni che aspettavo questo momento – ha detto prima del match Gazza – voglio salutare tutti i tifosi della Lazio, sono e saranno per sempre nel mio cuore“. Davanti a Gascoigne, la squadra di Petkovic ha dimostrato che quanto visto in questo avvio di stagione, non è stato certamente frutto del caso, ma di una crescita tecnico-tattica, che permette oggi alla Lazio, di avere già la qualificazione per il prossimo turno di Europa League, praticamente in tasca. Quella vista contro il Tottenham, è stata una Lazio scesa in campo con le idee ben chiare, pronta sia atleticamente sia mentalmente, che ha schiacciato per almeno ottanta minuti, gli ‘Spurs’ nella propria metà campo, dalla quale, tranne che per brevissimi istanti, raramente sono gli inglesi usciti fuori. Non è arrivato il gol, certo, ma le occasioni ci sono state, e come. Kozak non è riuscito a timbrare il cartellino per l’ennesima volta e lo zero a zero, è stato accolto dalla Lazio, come un risultato senza dubbio stretto, vista la mole di gioco prodotta in campo. Questa sera, nella proposta di gioco, bisognerà fare lo stesso, poichè di fronte, la Lazio troverà una squadra con cui ha parecchi conti in sospeso e dalla quale troppe volte è stata beffata. L’Udinese di Guidolin è storicamente una squadra difficile da affrontare, che fa dell’atletismo e della compattezza la sua arma migliore e che negli ultimi anni specialmente, ha , grazie alle qualità poco fa elencate, spesso e volentieri raggiunto traguardi inaspettati ad inizio stagione. Petkovic non vuole fallire l’apputamento e come al solito, ha preparato la gara al meglio, studiando nei minimi dettagli la squadra Friulana, individuandone i punti deboli e analizzando i meccanismi che il tecnico bianconero utilizza, per far rendere al meglio i suoi ragazzi. Tanto per cambiare però, ‘Vlado’, sopratutto perchè padrone di casa, non vorrà preoccuparsi troppo di quello che faranno gli altri, avendo a cuore, piuttosto, quello che in campo faranno i suoi calciatori. “Voglio che la mia squadra domini l’avversario”, fù il diktat con cui si presentò ai microfoni della stampa, nella sua prima conferenza da allenatore della Lazio. E quel monito, quella richiesta, rimane per i suoi giocatori tale, anche oggi, a distanza di qualche mese. Che di fronte ci siano i Campioni D’Italia, o una squadra di periferia, non deve fare differenza. Con le giuste accortenze, che Petkovic ha dimostrato di saper prendere, la Lazio deve scendere in campo con la stessa fame, la stessa voglia, lo stesso orgoglio di sempre, perchè solamente uniti e stretti come un solo uomo, si possono raggiungere traguardi e obiettivi importanti, quelli che poi, competono ad una squadra storica e gloriosa qual’è la Lazio. L’unione fa la forza, e Petkovic lo sa. “Noi siamo la Lazio” ripete spesso, per rimarcare a tutti, la consapevolezza della grandezza prima nel nome e poi negli uomini, della squadra che allena, “Noi siamo la Lazio” e stasera dobbiamo vincere.”Noi siamo la Lazio”: facciamo in modo che a chi ci affronta, questo, possa rimanere bene impresso.

Roberto Maccarone

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy