Si stringe il cerchio su Mister X

Si stringe il cerchio su Mister X

Il cerchio si stringe attorno a Mister X, un personaggio del “sottobosco” del mondo del calcio che aveva (e ha?) rapporti con dirigenti, amministratori e allenatori di formazioni di Serie A, soprattutto del centro-sud, e che era/è in grado di conoscere in anticipo il risultato degli incontri e di vendere…

Il cerchio si stringe attorno a Mister X, un personaggio del “sottobosco” del mondo del calcio che aveva (e ha?) rapporti con dirigenti, amministratori e allenatori di formazioni di Serie A, soprattutto del centro-sud, e che era/è in grado di conoscere in anticipo il risultato degli incontri e di vendere (all’ultimo momento per evitare fughe di notizie…) la soffiata vincente per 600.000 euro. E’ stato questa la domanda d’apertura e il tema principale delle quasi otto ore davanti al pm Di Martino di Almir Gegic, giunto al terzo faccia a faccia davanti ai magistrati cremonesi dopo i due interrogatori di garanzia di due settimane fa con il gip Salvini. Gli inquirenti, nonostante il serbo non sia stato in grado di riconoscere Mister X in alcune fotografie che gli sono state mostrate, sono praticamente certi dell’identità di questo personaggio che avrebbe anche un clone o comunque un’altra persona che in alcune circostanze si presentava agli incontri in sua vece. L’interrogatorio di Gegic è stato solo una delle fonti visto che pure Erodiani ha parlato di Mister X nella Procura della città sul Po. Quando gli inquirenti avranno completato gli accertamenti in corso, un’eventuale confessione del personaggio misterioso (circa 60 anni, attivo a Milano in un noto hotel in zona corso Como, propenso a frequenti contatti con i suoi numeri cellulari) potrebbe far tremare mezza Serie A o addirittura far abbattere uno tzunami sul mondo del calcio italiano.



Dovrebbe essere questa la clamorosa svolta delle prossime settimane anche perché gli investigatori definiscono «scarsamente collaborativo» l’atteggiamento di Gegic, intento a negare anche le cose più evidenti.

AVANTI OGGI – Stamani l’ex centrocampista del Chiasso sarà nuovamente di fronte al pm Di Martino e continuerà l’analisi delle partite taroccate nelle quali ha svolto un ruolo. Ieri infatti ne sono state analizzate solo alcune perché, come ha ammesso l’avvocato di Gegic, Roberto Brunelli, «ci siamo concentrati principalmente sulla ricostruzione dei rapporti tra gli indagati e su Mister X». Il serbo ha cercato di circoscrivere le sue responsabilità e di ammettere solo di aver acquistato informazioni. Come era successo nel confronto con il gip Salvini, anche stavolta è sembrato ben preparato, segnale evidente che ha studiato con attenzione gli interrogatori degli altri indagati della vicenda. “Convincerlo” a parlare non sarà semplice, questo gli inquirenti lo sanno, ma è altrettanto chiaro che, se continuerà su questa linea, difficilmente otterrà una revisione in tempi brevi della misura cautelare disposta dopo che si è costituito lo scorso 26 novembre.

ILIEVSKI NON ARRIVA? – Gegic finora si è limitato ad ammettere contatti per accordi illeciti con Gervasoni, Carobbio, Joelson, Mario Cassano e Pellicori, ma ha scaricato quasi tutta la responsabilità sull’amico Ilievski che aveva i soldi perché gestiva un’organizzazione di security con 200 uomini. Era lui che pagava tutte le spese (benzina, hotel e pranzi) per le trasferte in Italia in cui venivano incontrati i giocatori infedeli, tra i quali Carobbio e Gervasoni che facevano i prezzi delle informazioni “comprando” altri compagni. Insomma, secondo Gegic, il motore dell’organizzazione era Ilievski che, vedendo quanto poco sia creduto l’amico dai magistrati, starebbe rivedendo l’idea di costituirsi. Dall’interrogatorio di Gegic davanti al gip spuntano fuori anche un thailandese che aveva un ristorante a Cernobbio, forse coinvolto nella vicenda, la presenza di un gruppo ungherese in azione per truccare Bari-Sampdoria, tentativo che non sarebbe andato a buon fine e possibili novità su Lazio-Genoa da approfondire.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy