Tiribocchi: ‘Klose il più forte di tutti’

Tiribocchi: ‘Klose il più forte di tutti’

VERCELLI – Intervenuto in esclusiva ai microfoni di Radio Incontro, Simone Tiribocchi attaccante in forza alla Pro Vercelli, ex giocatore del Chievo Verona, ma cresciuto calcisticamente nelle giovanili della Lazio, ha commentato la gara che vedrà le sue due ex squadre affrontarsi domenica nel “lunch-time” della 3^ giornata di Serie…

VERCELLI – Intervenuto in esclusiva ai microfoni di Radio Incontro, Simone Tiribocchi attaccante in forza alla Pro Vercelli, ex giocatore del Chievo Verona, ma cresciuto calcisticamente nelle giovanili della Lazio, ha commentato la gara che vedrà le sue due ex squadre affrontarsi domenica nel “lunch-time” della 3^ giornata di Serie A.

Che tipo di gara sarà?

“Sarà sicuramente una bella partita come quelle già viste in questo inizio di campionato perchè la condizione fisica non è al 100% e le squadre si allungano rendendo le partite più spettacolari”.

Quali saranno le insidie maggiori per la Lazio nella gara del Bentegodi?

“La solidità difensiva del Chievo e le sue ripartenze. In casa fanno molto densità, sono molto concentrati ed hanno costruito sempre le loro salvezze tra le mura amiche. Ricordo che anche la scorsa stagione si salvarono grazie a due 1-0 contro Genoa e Napoli . Sarà una gara difficile dove la partita la farà la Lazio ed il Chievo giocherà di rimessa”.

Proprio questo gioco propositivo è il principale cambiamento tra la squadra di Reja e quella guidata da Petkovic.

“Un cambiamento radicale che ci sta. Reja ha fatto benissimo in questi anni e non va buttato di certo il suo lavoro, ma ora c’è una mentalità diversa con la quale probabilmente si divertiranno di più i tifosi della Lazio”.

Dove può arrivare questa nuova Lazio?

“Può puntare alle prime quattro posizioni. Ha grosse potenzialità soprattutto in avanti. Reputo Klose l’attaccante più forte del campionato perché oltre ad essere bomber, come lo può essere Cavani, sa far giocare bene la squadra”.

Sulla questione contrattuale di Diakitè

“Dovrei conoscere meglio la questione. Mi sembra che tirare troppo la corda con il presidente Lotito serva a poco. E’ la volontà del giocatore a fare la differenza. Se uno ha già una squadra sotto che gli offre determinate situazioni e pensa che sia la scelta migliore per lui è giusto che l’accetti, anche se dovrebbe ritenersi già fortunato a giocare per una squadra prestigiosa come la Lazio. Bisogna comunque sentire sempre tutte e due le campane prima di trarre conclusioni”.

Citaceleste.it – Fonte: tuttomercatoweb.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy