VERSO LA SAMP – Mancini, ”Farò il tifo per..”

VERSO LA SAMP – Mancini, ”Farò il tifo per..”

Il tecnico del Manchester City, ex attaccante di Lazio e Sampdoria, Roberto Mancini parla della sfida fra Sampdoria e Lazio, nell’intervista rilasciata a Gabriele De Bari per ‘Il Messaggero’ e pubblicata sull’edizione odierna del quotidiano Romano. Eccola di seguito. La maglia blucerchiata è quella alla quale è rimasto maggiormente legato?…

Il tecnico del Manchester City, ex attaccante di Lazio e Sampdoria, Roberto Mancini parla della sfida fra Sampdoria e Lazio, nell’intervista rilasciata a Gabriele De Bari per ‘Il Messaggero’ e pubblicata sull’edizione odierna del quotidiano Romano. Eccola di seguito.

La maglia blucerchiata è quella alla quale è rimasto maggiormente legato?
«Quindici anni in una società sono quasi una vita. La Sampdoria mi ha dato tantissimo emi ha lasciato  ricordi indimenticabili. Ma sabato tiferò Samp soltanto perché ha bisogno di punti per uscire da una delicata situazione che l’ha portata al cambio della guida tecnica. Era partita benissimo, prima nel lungo tunnel di sette sconfitte consecutive. Pensavo che il successo ottenuto nel derby potesse rappresentare
una svolta, invece le cose sono nuovamente peggiorate».

Perché è convinto che vincerà la Lazio?
«Per il valore qualitativo e complessivo dei biancocelesti, evidenziato anche contro l’Inter. Dal punto di vista tecnico non ci dovrebbe essere partita, però il cambio della panchina potrebbe dare nuove motivazioni e stimoli ai doriani».

La Lazio in trasferta stenta parecchio.
«In effetti il rendimento tra le gare all’Olimpico e quelle fuori casa è molto diverso, per cambiare passo deve acquisire maggiore convinzione e rischiare qualcosa di più».

Torniamo al passato: le ha dato emozioni più forti lo scudetto vinto a Genova o quello a Roma?
«Due momenti splendidi, le gioie più belle della carriera. Con la Sampdoria ho conquistato il primo e unico titolo nella storia della società. Qualcosa che resterà per sempre anche nel cuore dei tifosi, che aspettano un evento così importante. Con la Lazio ho rivinto uno scudetto
che mancava da oltre vent’anni, festeggiato alla grande dal popolo biancoceleste. Vincere scudetti con Juve, Milan e Inter è più facile perciò, proprio per questo, i miei acquistano un significato superiore».

Veniamo alla Lazio, terza a un punto dall’Inter seconda: dove potrà arrivare?
«Sbagliava chi non la inseriva tra le grandi protagoniste del campionato. È quadrata, collaudata, con un Klose straordinario, che darà fastidio a tutte le avversarie».

Fino al punto di diventare l’anti-Juve?
«Quella bianconera è la squadra più forte in assoluto, che vincerà lo scudetto. Ma la Lazio, se veramente ci crederà, ha le carte in regola per diventarne l’antagonista. La Juve, in primavera, tornerà a giocare la Champions e spenderà tante energie. L’obiettivo della Lazio dovrà essere quello di arrivare, a quel periodo della stagione, con un distacco di sei-sette punti e vedere quello che succederà. Il calcio è imprevedibile, mai mollare o dare tutto per scontato».

Perché, dietro alla formazione di Conte, nessuna riesce a emergere nettamente?
«La superiorità della Juventus è evidente, soprattutto nella continuità dei risultati. Le avversarie si tolgono punti a vicenda e questo favorisce i bianconeri. È probabile che, nel girone di ritorno, questo equilibrio si possa spezzare: vedo Lazio e Inter in vantaggio».

Si aspettava un Petkovic così pronto per il calcio italiano?
«Ammetto che non lo conoscevo. Però, oltre a dimostrare di saperci fare, va anche detto che ha trovato un gruppo valido costruito da
Reja. Lui è stato intelligente a sfruttarne il lavoro, confermandogli stessi interpreti».

In Premier League è derby per il titolo, con il City secondo in classifica: riuscirà a recuperare i 6 punti?
«Lo United è in testa, ma noi siamo più forti. Abbiamo la migliore difesa e perso una sola volta, contro le tre dei nostri rivali, purtroppo
siamo caduti proprio nel derby. Una sconfitta che ci ha penalizzato. Ma la strada è lunga e possiamo ancora vincere lo scudetto».

rm/cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy