Vlado SuperStar, Rossini: ”Un fuoriclasse”

Vlado SuperStar, Rossini: ”Un fuoriclasse”

L’INTERVISTA AD ARNO ROSSINI, (il tecnico-bidello che è stato ad un passo dall’approdare a Roma) PUBBLICATA STAMANE SUL TICINO ONLINE ROMA – Quarta a tre punti dalla zona Champions League. Non si può certo dire che la Lazio di Vlado Petkovic stia facendo male. Anzi. I biancocelesti hanno fino a…

L’INTERVISTA AD ARNO ROSSINI, (il tecnico-bidello che è stato ad un passo dall’approdare a Roma) PUBBLICATA STAMANE SUL TICINO ONLINE

ROMA – Quarta a tre punti dalla zona Champions League. Non si può certo dire che la Lazio di Vlado Petkovic stia facendo male. Anzi. I biancocelesti hanno fino a questo punto firmato una stagione sopra le righe. Sono stati belli e convincenti, cattivi e concreti. Hanno insomma fatto il loro dovere –  anzi sorpreso – e ora si godono i meritati complimenti che stanno piovendo loro addosso da ogni parte. Artefice della cavalcata di Mauri e soci è di certo il “nostro” Petkovic, tecnico arrivato a Roma in punta di piedi e accolto dallo scetticismo generale il quale ha in ogni modo saputo conquistare tutti. Ora la capitale pende dalle sue labbra. Che si tratti di dirigenti, giocatori, giornalisti o avversari, nessuno osa mettere in dubbio l’operato di Vlado.

“Lui è un vero fuoriclasse – è intervenuto Arno Rossini – un allenatore fantastico il quale, ne sono certo, continuerà a fare benissimo in una piazza difficile come quella romana”.

Dove diciassette radio sono pronte a processarti a ogni passo falso…
“All’inizio non è stata semplice: gli scarsi risultati ottenuti nelle amichevoli estive avevano infatti storcere il naso ai più. Però Vlado è andato avanti per la sua strada, quella che col tempo si è dimostrata essere giusta. Ora la Lazio è davvero una grande squadra, una delle soprese del campionato  italiano insieme con la Fiorentina. E i successi biancocelesti sono riconosciuti da tutti”.

La società, Lotito e Tare, deve essere soddisfattissima dell’operato del suo tecnico.
“A inizio anno gli avevano chiesto di provare a lottare per un piazzamento buono per l’Europa League. Direi che, per quanto visto fino a ora, non possono non essere felici: se continuerà così, Zarate e compagni finiranno per battersi per la Champions League, altro che l’altra coppa”.

L’Europa League la Lazio l’ha vissuta da protagonista: ha vinto il proprio girone fornendo una gran prova di forza…
“Altro punto a favore di Petkovic. Non so se i capitolini si aspettavano tali numeri”.



Un dubbio. Ma come ha fatto Vlado, quasi sconosciuto a livello di Serie A italiana, ad ambientarsi tanto velocemente. E con tali risultati?
“Andate a rivedervi la prima conferenza stampa che ha tenuto. I toni di allora e quelli di oggi, di questi giorni, sono gli stessi. Lui è serio, tutto d’un pezzo e propone sempre argomenti intelligenti e sensati. È così che ha guadagnato la stima dei suoi giocatori”.

E dire che solitamente gli atleti faticano a fidarsi di chi non conoscono.
“Vlado è strepitoso nella gestione del gruppo. Sa, in poco tempo, diventare un punto di riferimento. Protegge i suoi giocatori e li fa sentire importanti. E loro lo “ripagano” dando il massimo. E questa non è una mia opinione: ovunque sia andato ha sempre fatto bene. Pensate, allo Young Boys ancora si mangiano le mani per averlo lasciato partire…”.

A Roma magari non commetteranno lo stesso errore.
“Con la Lazio ha vinto il derby… e sapete meglio di me quanto conta questo da quelle parti. Già così potrebbe essersi garantito la riconferma. Scherzi a parte vedremo quel che saprà combinare. Sono certo continuerà a stupire”.

L’ultima volta si era parlato del suo arrivo in biancoceleste. C’era un segreto che dovevi svelarci.
“È vero. Ora però è troppo presto. Lasciamo lavorare Petkovic in pace. Più in la, lo prometto, vi racconterò come è andata davvero”.

Fonte: tio.ch

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy