ZOOM – Andrè Dias, rabbia da cancellare

ZOOM – Andrè Dias, rabbia da cancellare

(CORRIERE DELLO SPORT) | Gli è rimasta dentro la rabbia. Per un’espulsione assurda e un cartellino rosso reclamato da Totti prima ancora che l’arbitro Rocchi lo estrasse. Non era una chiara occasione da gol e Andrè Dias ha pagato, lasciando la Lazio in dieci nel finale di un derby arroventato.…

(CORRIERE DELLO SPORT) | Gli è rimasta dentro la rabbia. Per un’espulsione assurda e un cartellino rosso reclamato da Totti prima ancora che l’arbitro Rocchi lo estrasse. Non era una chiara occasione da gol e Andrè Dias ha pagato, lasciando la Lazio in dieci nel finale di un derby arroventato. Era entrato quattro minuti prima per prendere il posto di Ciani, stravolto dai crampi. E avrebbe voluto dare un’impronta diversa al suo ritorno in campo, dopo la bocciatura decisa da Petkovic all’inizio di settembre. Già, perché l’ex capitano del San Paolo, partito forte nel ritiro di Auronzo di Cadore, era considerato un titolarissimo all’inizio della stagione e si è ritrovato quinto, ultimo dei difensori centrali, in poco più di due settimane. Malissimo con la Juventus il 18 agosto nella finale di Supercoppa, male nel secondo tempo con l’Udinese, al debutto in campionato. S’è trovato dietro a Biava, scavalcato da Cana e Novaretti, infine anche da Ciani. Dias è rimasto escluso dalla lista Uefa, una delusione cocente, lenita appena dal conforto e dalla considerazione del ds Tare, che lo ritiene uno dei più forti difensori del campionato.

OCCASIONE – Andrè deve tornare a dimostrare il suo valore sul campo e oggi potrebbe averne l’opportunità a Reggio Emilia con il Sassuolo. Negli ultimi due giorni di allenamento, Petkovic lo ha provato in coppia con Ciani. Sembra una mossa scontata, dettata dal turnover e dai calcoli in funzione della trasferta di Trebisonda, dove continueranno a mancare Biava, Novaretti, Radu e Konko. Dias non potrà giocare in Turchia, Petkovic è rimasto con due soli centrali per l’Europa League (Ciani e Cana) ed è quasi obbligato a risparmiarne uno. Un altro infortunio metterebbe a repentaglio il reparto arretrato, costringendo il tecnico di Sarajevo a far giocare i Primavera con il Trabzonspor. Serpieri, capitano di Bollini, verrà certamente convocato per accomodarsi in panchina come cambio dei centrali. Il croato Elez è fuori lista e ha bisogno di tempo e di addestramento.

FUTURO – Oggi con il Sassuolo toccherà a Dias, 35 anni da compiere a maggio, scendere in campo. Potrebbe essere una buona occasione per cancellare quel rosso per la spallata a Totti nel finale del derby e cominciare a invertire il trend della stagione. Voleva andare via nel marzo scorso e lo aveva comunicato alla società, in parte spiazzata a giugno dalla sua retromarcia, perché doveva aprire una casella da extracomunitario. Era convinto Dias di regalarsi una grande stagione, per chiudere in bellezza l’avventura alla Lazio, iniziata nel febbraio 2010, quando era appena arrivato da San Paolo. E’ in scadenza, può ancora farcela, perché anche dal suo recupero passa il progetto di dare lunga vita al turnover. Biava ne avrà per almeno due mesi (è serissimo l’infortunio al piede), così come Radu. E il brasiliano, pungolato nell’orgoglio, deve rispondere come il talento e il mestiere gli consentono se appena sorretto da una discreta condizione fisica. A gennaio deciderà se arrivare sino in fondo alla stagione o anticipare il suo addio di sei mesi. Il campo può aiutarlo a decidere.

ULTIME – Cana a riposo per l’Europa League e potrebbe essere risparmiato anche Lulic, che in Turchia dovrà giocare da terzino sinistro (anche Pereirinha e Vinicius sono fuori lista Uefa). Così, tra tanti dubbi e molte incertezze, sta venendo fuori una formazione inedita. Davanti a Marchetti linea a quattro formata da Cavanda, Ciani, Dias e Pereirinha. Ledesma playmaker. A destra Candreva (favorito su Gonzalez), Onazi ed Hernanes nel mezzo, Ederson sul versante sinistro. In attacco Floccari o Perea. In panchina Felipe Anderson e anche Biglia, recuperato in extremis e inserito nella lista dei 22 convocati.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy