ZOOM – Decisione Tar sul derby: solo un atto dovuto

ZOOM – Decisione Tar sul derby: solo un atto dovuto

ROMA – Un’altra tappa della telenovela Codacons, domani un altro round. Perché il Codacons, che contesta la concomitanza del derby con i seggi elettorali aperti per le elezioni comunali (ma non propone soluzioni alternative), aveva inoltrato un ricorso inaudita altera parte, cioè aveva chiesto al Tar di sospendere il provvedimento…

ROMA – Un’altra tappa della telenovela Codacons, domani un altro round. Perché il Codacons, che contesta la concomitanza del derby con i seggi elettorali aperti per le elezioni comunali (ma non propone soluzioni alternative), aveva inoltrato un ricorso inaudita altera parte, cioè aveva chiesto al Tar di sospendere il provvedimento senza ascoltare la controparte. Il Tar invece domani vorrà capire le ragioni. E potrà farlo, perché l’anticipo non è stato disposto per decreto prefettizio, ma su decisione della Lega calcio. La quale, però, ha di fatto recepito le pressioni del Viminale e della Prefettura. Detto che delle parti in causa, Viminale e Prefettura escluse, nessuna si strapperebbe i capelli (eufemismo) per un ritorno del match alle 21, è davvero difficile immaginare che domani il Tar possa cambiare l’orario sconfessando le indicazioni del Viminale, che si è esposto contro i derby in notturna. E c’è anche il precedente di Cagliari-Roma, col Consiglio di Stato a recepire le indicazioni di Prefetto a Lega, a rafforzare questa ipotesi. “È solo un atto dovuto da parte del Tar”, bisbiglia il presidente della Lazio Claudio Lotito. Stavolta potrebbe avere proprio ragione.


 

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy