ZOOM – Hernanes e quella foto: profetizza o minaccia?

ZOOM – Hernanes e quella foto: profetizza o minaccia?

di ALBERTO ABBATE ROMA – S’aggrappa a quella coppa, stritola quella maglia. E non la molla più: “Ho lottato alla morte per riprendermi la Selecao e non permetterò a nessuno di svegliarmi da questo sogno. Non gettatemi dell’acqua fredda”. Niente docce intrusive nel mondo onirico di Hernanes, c’è solo una…

di ALBERTO ABBATE

ROMA – S’aggrappa a quella coppa, stritola quella maglia. E non la molla più: “Ho lottato alla morte per riprendermi la Selecao e non permetterò a nessuno di svegliarmi da questo sogno. Non gettatemi dell’acqua fredda”. Niente docce intrusive nel mondo onirico di Hernanes, c’è solo una pioggia logorroica d’emozioni. Scolari gli ha restituito il Brasile, il Profeta s’è avvinghiato. Oggi straparla ancora di gioia, insegue altri oracoli: “Ringrazio il ct, lui sa come far sentire ogni giocatore importante, ma non ho mica il posto garantito, dovrò lavorare ancora tanto. La determinazione però è alla base della mia volontà”. 

22 FOTO MOTIVAZIONALI – A Formello ha respirato il mental coach Sandro Corapi. Ha inghiottito gli insegnamenti, li ha risputati con orgoglio. E’ diventato maestro di motivazioni, ha stampato una foto della Confederations Cup nella mente di ogni compagno, 22 coppe alzate in faccia per iniettare il veleno della vittoria:  “Imagine onde você estará, que você chegará”. Rivisitazione del motto obamiano: “Yes, we can”. Teletrasporto anticipato sul tetto del mondo, lo svela Thiago Silva: “Dopo aver ricevuto questa foto di Hernanes, ho iniziato a pensare a quanto sarebbe stato bello alzare la coppa”.

DOPO IL PSG, SPRINT MONACO – Il segreto del successo s’insinua in un angolino del cervello: “Quando mi sono messo qualcosa in testa, l’ho sempre raggiunta. Niente e nessuno è mai riuscito a impedirmela”, giura Hernanes. Che saltella col sorriso fra gli ostacoli che verranno: “Prima la convocazione, poi il mio spazio fra i titolari, adesso voglio diventare un punto fermo della Nazionale per i mondiali. In un anno può succedere di tutto”. Oddio, una profezia allarmante? Se davvero il brasiliano fosse stato a colloquio – nel bel mezzo della festa insieme all’agente Joseph Lee – con Dmitry Rybolovlev, magnate del Monaco con 30 milioni di euro, suonerebbe più come minaccia.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy