ZOOM – Claudio Lotito molla per Salerno? Difficile…

ZOOM – Claudio Lotito molla per Salerno? Difficile…

ROMA – Che stia davvero mollando? Difficile, conoscendone la capoccia. Eppure mentre la Lazio crolla, Lotito festeggia a Salerno. Un ritorno in “C1” rimandato di appena una settimana: il pareggio contro il Poggibonsi (1-1) vale la Lega Pro, la seconda promozione in due anni. Lotito dimentica subito la sconfitta biancoceleste…

ROMA – Che stia davvero mollando? Difficile, conoscendone la capoccia. Eppure mentre la Lazio crolla, Lotito festeggia a Salerno. Un ritorno in “C1” rimandato di appena una settimana: il pareggio contro il Poggibonsi (1-1) vale la Lega Pro, la seconda promozione in due anni. Lotito dimentica subito la sconfitta biancoceleste di sabato sera al Friuli, è pazzo di gioia: “E la fame vien mangiando. Sono pronto ad allestire una squadra competitiva che possa lottare per la Serie B”.

 

L’ultimo salto, prima di dover fare una scelta: Salerno o la Lazio. Per carità, il presidente ne sa una più del diavolo: statene certi, troverebbe un escamotage per rimanere sulla doppia sella. Ma non è questa la domanda: Lotito è davvero pronto a passare il testimone del club capitolino? E’ arrivato il momento di cedere a eventuali offerte arabe, paventate ormai da mesi? I dubbi rimangono tanti. C’è chi dice che di fronte a una proposta di 100 milioni per il 66% delle azioni biancocelesti, stavolta Lotito accetterebbe per buttarsi a capofitto – già ci si dedica parecchio – sull’avventura campana. C’è invece chi ancora storce il naso. Perché la Lazio significa potere, ciò a cui Lotito è aggrappato con le unghie e con i denti. Un potere che vale forse più di 100 milioni. Anche per le altre sue aziende, così strettamente “dipendenti”. Salerno oggi è ancora un satellite, la Lazio la luna.

 

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy