Tare: “Hernanes? Il calcio è imprevedibile ma…”

Tare: “Hernanes? Il calcio è imprevedibile ma…”

ROMA – Il DS biancoceleste Igli Tare, attraverso le colonne de ‘Il Messaggero’ questa mattina in edicola, ha fatto il punto della situazione riguardo il mercato della Lazio e non solo. “Siamo competitivi – ha detto – sia in difesa che in attacco e poi, secondo me, a centrocampo siamo…

ROMA – Il DS biancoceleste Igli Tare, attraverso le colonne de ‘Il Messaggero’ questa mattina in edicola, ha fatto il punto della situazione riguardo il mercato della Lazio e non solo. “Siamo competitivi – ha detto – sia in difesa che in attacco e poi, secondo me, a centrocampo siamo tra i più forti del nostro campionato, alzando la qualità, ringiovanendo la rosa, mettendo ancora più concorrenza interna alla squadra e portando gente esperta abituata a vincere come Biglia. Per ora diciamo che stiamo a posto così, poi se capiterà l’occasione, la sfrutteremo“.

Tare, partiamo dal successo in coppa Italia. Cosa ha significato? «Una vittoria unica, storica, che ci ha fatto capire che la strada intrapresa è quella giusta, ovvero costruire un po’ per volta senza mai fare il passo più lungo della gamba».

Va bene la coppa Italia, ma il campionato non è andato benissimo. Qual è la vera Lazio? «Quella che ha giocato, convinto e fatto anche divertire fino a gennaio, poi purtroppo ci sono stati tanti infortuni, soprattutto di giocatori in ruoli chiave».

È soddisfatto della squadra che state allestendo? «Tantissimo. Siamo competitivi in difesa e in attacco e poi, secondo me, a centrocampo siamo tra i più forti del nostro campionato, alzando la qualità, ringiovanendo la rosa, mettendo ancora più concorrenza interna alla squadra e portando gente esperta abituata a vincere come Biglia».

Da come parla sembra che il mercato sia chiuso. «Diciamo che stiamo a posto così, poi se capiterà l’occasione, la sfrutteremo».

Ci presenta Lucas Biglia? «Un centrocampista che distribuisce il gioco, bravo negli inserimenti, elegante e grintoso. E’ capace di fare undici-dodici chilometri a partita e restare lucido fino al novantesimo. Uno che fa la differenza. In più sa anche tirare le punizioni, porterà esperienza e ancora di più voglia di vincere». 

Molti non vedono l’ora di vedere all’opera Felipe Anderson. «È giovane, dovrà ambientarsi ma su di lui sono pronto a scommettere a occhi chiusi. Ha tecnica, velocità e dinamismo, il suo ruolo principale è mezzala destra, quello che dà il cambio di passo, per intenderci, anche se a centrocampo può fare tutto e giocare pure in avanti. Nel Santos ha fatto perfino il terzino destro, questo vuol dire che è uno che si sacrifica».

Più difficile la trattativa per Felipe Anderson o quella del 2010 per Hernanes? «Nessun dubbio: quella di Felipe. Rimarrà negli annali per la trattativa più paradossale e allucinante alla quale abbia mai partecipato, con il Fondo che cambiava idea di continuo anche quando era tutto chiuso e a posto, dopo due ore si ripartiva da zero. Tutto ciò per una settimana, sembrava quasi di essere ai confini della realtà».

L’aspetto determinante dell’affare? «La voglia di Felipe di venire alla Lazio. Ci ha scelto a gennaio e non ha mai cambiato idea, nonostante, tramite il Fondo, ci fossero squadre come Benfica, Atletico Madrid, Liverpool e vi assicuro tante altre. E questo per noi è un motivo di vanto e orgoglio».

Qualcuno sostiene che non può giocare con Hernanes. «Stupidaggini. E anche Biglia e Ledesma possono tranquillamente coesistere».

 

E Novaretti? «È un difensore bravo tecnicamente, che sa uscire palla al piede, ottimo di testa e cattivo quanto basta. E poi è uno che riesce ad essere molto pericoloso in area sui calci piazzati: in questo modo ha segnato diversi gol». 

Perea? «Un attaccante che può fare il centrale e l’esterno. Tecnica e velocità. Anche lui è giovane, ma secondo me stupirà, ha tutto per fare bene, come del resto Rozzi e Keita oppure gli stessi Cataldi o Crecco».

L’ultimo è Vinicius.  «Un terzino di gamba, potente, tecnico, che sa crossare molto bene». Acquisto comunque ancora in stand-by: domani farà ulteriori accertamenti per la vecchia microfrattura al piede sinistro.

Si dice: ci sono i mondiali e Klose giocherà con il freno tirato… «Chi sostiene questo non conosce bene Miro e dice un’idiozia, la sua professionalità e la sua voglia di migliorarsi ogni giorno sono la sua forza».

E lei spera che sia ancora della Lazio anche dopo il mondiale? «Certo, mi piacerebbe molto e ne abbiamo parlato».

Se le dico Hernanes, cosa mi risponde? «Incedibile. Per noi non è sul mercato, non lo è mai stato. Lui vuole restare e noi vogliamo che lui resti per continuare a vincere. Il calcio, si sa, è imprevedibile e la storia di Cavani o di altri insegna, ma lui resterà con noi».

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy