Caicedo: “Lazio fra le prime in Europa. Cerco riscatto e a dicembre sarò comunitario”

Caicedo: “Lazio fra le prime in Europa. Cerco riscatto e a dicembre sarò comunitario”

Queste le parole del nuovo attaccante biancoceleste in occasione della sua presentazione

ROMA – La lacrima sotto l’occhio è solo il ricordo di un’infanzia difficile a Guayaquil, adesso Felipe Caicedo sorride a più non posso. A 29 anni, dopo tante esperienze in giro per il mondo e le ultime in Spagna con Levante ed Espanyol, l’ecuadoregno è pronto per il grande salto alla Lazio: “E’ un grande club e quindi un grande passo della mia carriera. Ho deciso di far parte di questo progetto per come mi è stato presentato dalla società. Sono già felice, mi sono integrato e spero di essere pronto al più presto”. Per la Serie A: “Al momento non ho avuto grosse difficoltà di adattamento, devo continuare così e integrarmi alla perfezione col resto della squadra”. Difficile vederlo subito con la Juve, ma Felipe sogna l’esordio: “Sì, ho molta voglia di giocare. Mentalmente sono pronto, fisicamente non sto però al passo dei compagni. Spero di entrare in campo qualche minuto perché è una gara importante e difficile per noi”.

TANDEM

Vice Immobile, ma anche compagno di reparto: “Sono una prima punta, un attaccante d’area e mi piace arretrare e prendere la palla. Mi adatto a qualsiasi modulo, posso giocare anche con un’altra punta. Faccio assist e gol”. Caicedo esalta la Lazio in Europa: “Questa squadra ha il potenziale per far bene e per stare fra le prime posizioni. Certo ci sono altri club competitivi, per noi è una grande opportunità e dobbiamo lottare”. Bella l’accoglienza a Formello: “Inzaghi mi ha sorpreso per la personalità, mi ha ricevuto bene così come tutta la squadra. Tutti mi stanno aiutando nei miei bisogni per farmi ambientare nel minor tempo possibile. Ho tanta fame, questa è una grande chance per me per rilanciarmi dopo una stagione non positiva. Farò vedere tutto quello che non ho fatto vedere l’anno scorso, assist e reti”. Tare ci crede: “Ha caratteristiche che completano la nostra rosa. E’ un attaccante che ha giocato in diversi paesi e questo lo aiuterà ad ambientarsi nel calcio italiano. Sarà un punto di riferimento per la nostra squadra, per venire alla Lazio ha rinunciato a tanti soldi del suo contratto perché sa che è un’opportunità grande per la sua carriera e per il prossimo mondiale”.

JUVE

Intanto c’è la Juve di Higuain e Dybala: “Sono grandi attaccanti, li ho incontrati in Ecuador nelle amichevoli in Nazionale. Ma io mi tengo i nostri attaccanti”. Caicedo si tiene Immobile: “Ciro lo conoscevo dai tempi del Siviglia, è uno dei migliori in Serie A, ma occhio anche a Keita. Domenica tutti avremo voglia di vincere”. Nel City ha conosciuto Eriksson: “E’ stata una bella esperienza, mi ha fatto debuttare. Mi volle lui e mi aiutò tanto. Ho un bel ricordo di lui, come uomo e allenatore”. L’agente Vargas ha parlato del suo passaporto comunitario a gennaio: “E’ vero, ci sto lavorando da tempo. In teoria, ho passato l’esame e a dicembre dovrei riceverlo”.

Cittaceleste.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy