Capo osservatorio Viminale: “Sistema riconoscimento? Le persone perbene sono contente”

Capo osservatorio Viminale: “Sistema riconoscimento? Le persone perbene sono contente”

” Io non sono contro gli ultrà: per me la parola ultrà non va assolutamente associata a comportamenti non in linea con le leggi. Ma sono assolutamente contro i banditi, a loro non verrà data tregua”

 

ROMA – Il nuovo capo dell’Osservatorio del Viminale, la dottoressa Daniela Stradiotto, prima donna ad occuparsi del fenomeno-ultrà, ha parlato della decisione di dotare lo stadio Olimpico di un sistema di riconoscimento biometrico. Eco le sue parole riportate da la Repubblica.it: “Questo sistema è stato deciso per le persone perbene che non possono che esserne rassicurate, vista anche la minaccia terroristica. Chi non ha da temere nulla, non ha motivo di sentirsi schedato. Io non mi sento affatto schedata per le nuove misure decise all’Olimpico e che, se servirà, saranno estese in altri stadi italiani. E’ una questione di onestà intellettuale: ricordiamoci cosa è successo nei recenti attentati, purtroppo in giro ci sono tanti matti”. C’è chi teme che questa decisione possa allontanare ancora di più i tifosi dallo stadio di Roma. “Non è vero: è un dato di fatto che le famiglie non vanno più negli stadi ma io voglio riportarle, non certo allontanarle. Io non sono contro gli ultrà: per me la parola ultrà non va assolutamente associata a comportamenti non in linea con le leggi. Ma sono assolutamente contro i banditi, a loro non verrà data tregua”. Intanto Leitner sbarca a Roma >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy