Ciani fra le note: “Suono la chitarra e canto sotto la doccia. Alla Lazio non è come a Marsiglia…”

Ciani fra le note: “Suono la chitarra e canto sotto la doccia. Alla Lazio non è come a Marsiglia…”

ROMA – Non solo calcio. Il roccioso difensore biancoceleste Ciani, si è concesso ai microfoni di a sofoot.com, questa volta per parlare di musica. Di seguito, l’intervista completa. Quali sono i tuoi primi ricordi musicali? Bad, il grande Michael Jackson, e la musica tradizionale caraibica. Qual era l’atmosfera musicale a…

ROMA – Non solo calcio. Il roccioso difensore biancoceleste Ciani, si è concesso ai microfoni di a sofoot.com, questa volta per parlare di musica. Di seguito, l’intervista completa.

Quali sono i tuoi primi ricordi musicali?
Bad, il grande Michael Jackson, e la musica tradizionale caraibica.

Qual era l’atmosfera musicale a casa, quando eri piccolo?
Molti reggae e ragga, ma anche un sacco di rap americano, 2Pac e Notorious BIG. E poi ripeto, tanta musica tradizionale caraibica.

Come hai scoperto il rap?
Nel quartiere, faceva parte dell’ambiente. È stata una cosa naturale, sono cresciuto lì.

Il primo disco che hai comprato?
E ‘difficile dirlo, non ricordo. Forse un 2Pac e Snoop Dogg, Ice Cube. Poi c’era mio fratello che aveva una grande collezione di dischi e un vero mixer.

E l’ultimo album che hai comprato?
Non ho più 20 anni, sono cresciuto. Ho comprato l’ultimo album di Jay-Z. Ascolto un sacco di Drake. E mi piace anche Yo Gotti e Kendrick Lamar.

E il rap francese?
Non ne ascolto troppo. Amo quello degli american, è di un livello superiore, soprattutto dal punto di vista produttivo. E se non mi piace il rap francese è forse perché capisco le parole, che non sono sempre terribili (ride)!

Canti sotto la doccia?
Sì, come tutti gli altri. Sono un artista da seguire, in più suono la chitarra! Sotto la doccia, io canto, come in macchina.

Gli atleti che hanno provato a cimentarsi nel mondo rap, hanno quasi tutti fallito. Che calciatore potrebbe riuscire, invece, microfono alla mano in questo mondo?
Difficile da dire … Molti giocatori di calcio hanno lo stile, ma questo non basta, non è una garanzia!

Al suo arrivo a Marsiglia , Florian Thauvin vi ha cantato Booba. E tu, cosa hai cantato ai giocatori della Lazio al tuo arrivo in biancoceleste?
Fortunatamente, si tratta di una tradizione che non esiste alla Lazio! L’ultima volta che mi è capitata una cosa del genere è stato al Bordeaux . Ho cantato la loro Lasciami un drink, di T-Pain. Rimasero di stucco!

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy