Gioia Cragnotti, annullata la condanna più grave. L’avv.: “Risultato straordinario”

Gioia Cragnotti, annullata la condanna più grave. L’avv.: “Risultato straordinario”

ROMA – Ottime notizie per l’ex Patron biancoceleste Sergio Cragnotti. Il presidente più vincente della storia della Lazio ha visto annullarsi (con rinvio) dalla Corte di Cassazione la condanna sul capo d’accusa più grave, quello legato alla vicenda ‘Bombril‘, ovvero 7 anni sugli 8 (e 8 mesi) totali. Si aprirà un nuovo processo per Cragnotti, che però può sorridere. Come riporta Il Sole 24 Ore, la decisione è stata accolta con soddisfazione anche dall’avvocato Krogh: “È una sentenza molto equilibrata ed è il giorno della rivincita morale per centinaia di migliaia di risparmiatori traditi che hanno perso tutto nel crac Cirio e che oggi ricevono giustizia dalla Stato”. La Lazio con Cragnotti ha vissuto gli anni più belli della sua storia. Oltre a dominare in Italia, con lo scudetto vinto nel 2000, i biancocelesti hanno trionfato anche in Europa, alzando in cielo la Coppa delle Coppe e la Supercoppa europea. Questa riduzione della pena farà felice anche tutti i tifosi laziali, che ancora amano il presidente Cragnotti e che non hanno scordato tutto quello che ha fatto per la Lazio. Nel frattempo, con il rientro di Nani e Felipe Anderson, la Lazio può vantare un attacco stellare: CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy