Diaconale: “Sono fiducioso sul rinnovo di Keita, Formello sarà più aperta ai tifosi. Il derby..”

Diaconale: “Sono fiducioso sul rinnovo di Keita, Formello sarà più aperta ai tifosi. Il derby..”

Ecco le dichiarazioni del responsabile della comunicazione biancoceleste..

ROMA- La pausa non giova certo alla Lazio, che perde 11 giocatori in un gran momento di forma. Nel frattempo però la società non perde l’occasione per riavvicinare tifosi e media, come testimoniano le parole del direttore della comunicazione biancoceleste Arturo Diaconale, ai microfoni di Radio Olympia: “Aprire i cancelli di Formello ai tifosi è una cosa che dovremmo fare in maniera sistematica. In questa settimana non avrebbe avuto senso perchè gran parte della rosa è impegnata con le nazionali e ci sembrava una presa in giro nei confronti dei tifosi. Uno dei miei impegni principali è inoltre quello di riuscire ad avere più Lazio nelle varie tv. Intorno alla Lazio c’è sempre stato un gran pregiudizio, che finalmente sta venendo meno. Bisogna fare un gran lavoro, anche nei rapporti. Lunedì scorso c’era Inzaghi a Tiki Taka. E spero che sia solo l’inizio. E’ chiaro che anche i risultati aiutano”. Una battuta anche sulla situazione rinnovi in casa Lazio: “Io continuo ad essere ottimista. C’è una convenienza reciproca nel risolvere i problemi e venirsi incontro. Mi auguro che tutto si svolga per il meglio, ma sappiamo che nel calcio ci sono anche situazioni imprevedibili. Il rinnovo di Keita è legato a questioni che vanno levigate. Keita è un ragazzo cresciuto da questa società, va difeso, garantito, ma allo stesso tempo la società non deve svendersi”. Le barriere resteranno all’Olimpico anche dopo il rugby, contro gli auspici di tifosi e società: “E’ difficile dire se ce la faremo o no. Tutti vorrebbero avere il massimo acceso allo stadio, in ogni settore, senza limiti e le migliori condizioni di sicurezza. Speriamo di riuscirci. Peruzzi? Angelo è una persona molto schiva. Gli ho chiesto tante volte di andare a fare qualche intervista, ma lui mi ha detto che già da calciatore ne faceva poche e quando lo faceva si sforzava, figuratevi ora. Sta facendo un ottimo lavoro. Il giusto collante nello spogliatoio. Per me è stato davvero determinante” . Battuta finale dedicata al match più importante dell’anno: “Io al derby non vado più da tempo perchè da tifoso l’ho sempre sofferto troppo. L’ultima volta che sono stato allo stadio era negli anni settanta. Stavolta tornerò. Diciamo che sarò costretto dal ruolo che ricopro. Speriamo di portare fortuna. Alle brutte mi farò aiutare da Peruzzi se dovessi avere dei problemi”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy