ESCLUSIVA Radio Incontro – Sacerdote funerale Gabbo: “Momento di grande ansia, Totti c’era ma Lotito no”

ESCLUSIVA Radio Incontro – Sacerdote funerale Gabbo: “Momento di grande ansia, Totti c’era ma Lotito no”

Ultima ora

1 Commento

ROMA – Don Paolo, sacerdote del funerale di Gabriele Sandri, è intervenuto a Radio Incontro Olympia: “Il funerale di Gabriele lo ricordo come un momento di grande ansia, dovuta al fatto che le forze dell’ordine mi avevano avvisato che potevano esserci incidenti. Invece è stato un momento di grande serenità, la chiesa era piena di giovani. Tutti quelli che sono entrati si sono comportati in maniera molto sobria, e anche io forse sono stato bravo a scegliere le parole giuste. Mi ricordo che non era presente Lotito, ma c’era Francesco Totti. Perdere un figlio è bruttissimo, io sono stato molto vicino ai genitori e al fratello, da cui mi sono fatto raccontare cosa fosse successo veramente, perché le cose non erano ancora chiare, poi per fortuna la giustizia ha fatto il suo corso. In quei casi non bisogna essere retorici e moralisti. Ho provato a dare loro speranza e fede. Come può Dio provocare queste cose? La risposta non si può trovare, io penso che dietro a ogni morte ci sia un messaggio, qualche cosa che dobbiamo codificare ma che a volte non è semplice. Ovviamente Dio non decide chi muore e chi vive, sennò sarebbe un Dio capriccioso. C’è un certo equilibrio delle cose che noi dobbiamo accettare. Più atei che credenti? dipende dall’allontanamento dalla chiesa, dovuta alla mancanza di valori. Dio non dà segnali a noi uomini, non sono gli atti miracolosi a convincere le persone. Con la famiglia di Gabriele si è creato un rapporto di amicizia, se si lavora sull’anima delle persone si riesce a recuperare una certa serenità. Bisogna essere sempre ottimisti, farsi forza e ricominciare. Domani alle 19:00 a San Pio X ci sarà la messa per Gabriele“. Ecco le ultime di mercato >>> CONTINUA A LEGGERE

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. TotoIV - 1 mese fa

    Dovrestre vergognarvi di continuare strumentalizzare la morte di questo povero ragazzo per attaccare la società.
    la morte è un momento privato di dolore, fare la conta di chi c’era e chi non c’era è un vero e proprio atto di sciacallaggio….personalmente ho chiuso con questo sito e questo e con radioincontro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy