Fabiana Fiorini: “Vedere riunito tutto il gruppo di cui ha fatto parte mio padre Giuliano è stata una grandissima emozione”

Fabiana Fiorini: “Vedere riunito tutto il gruppo di cui ha fatto parte mio padre Giuliano è stata una grandissima emozione”

“Tra i momenti più emozionanti mi fa piacere citare tutto lo stadio che ha cantato “I Giardini di Marzo”. In più devo dire che non avevo mai conosciuto Eugenio Fascetti di persona, l’avevo sempre visto sempre come un uomo molto austero, invece è stato gentilissimo e paterno nei miei confronti. Mi ha detto: “Tuo padre era un personaggio…””

ROMA – Di seguito i lanci dell’intervista realizzata a Fabiana Fiorini da “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dalle 10 alle 13 dal lunedì al sabato sugli 88.100 FM di Elleradio.Figlia del leggendario Giuliano Fiorini, bomber della Lazio dei -9, Fabiana Fiorini è intervenuta sugli 88.100 di Elle Radio nella trasmissione I Laziali Sono Qua, condotta da Danilo Galdino e Vincenzo Oliva.
Fabiana è stata presente alla serata, emozionante e ricca di ricordi, di Di Padre in Figlio: “Vedere riunito tutto il gruppo di cui ha fatto parte mio padre Giuliano è stata una grandissima emozione, così come lo è stato vedere per l’ennesima volta rinnovato l’affetto dei tifosi nei confronti di papà. Tra i momenti più emozionanti mi fa piacere citare tutto lo stadio che ha cantato “I Giardini di Marzo”. In più devo dire che non avevo mai conosciuto Eugenio Fascetti di persona, l’avevo sempre visto sempre come un uomo molto austero, invece è stato gentilissimo e paterno nei miei confronti. Mi ha detto: “Tuo padre era un personaggio…”, confermandomi quanto fosse speciale il rapporto tra di loro. Ricorderò anche la grande emozione di mia nonna, che era presente assieme a me, mentre mia madre e mio fratello sono troppo timidi  e non ce la fanno a venire, ma sono sempre molto felici quando posso intervenire in occasione di iniziative a Roma, dove mio padre viene sempre ricordato con enorme amore e dunque è sempre meraviglioso esserci”.
Fabiana mancava da Roma dall’ultimo derby: quali sono le cose meno piacevoli dell’ultima stagione? “E’ sicuramente un dispiacere vedere lo stadio vuoto, la differenza di atmosfera tra il derby e Di Padre in Figlio era enorme. Al derby mi ha fatto male vedere la squadra non crederci in determinati momenti, la squadra si è un po’ lasciata andare. Manca quel senso di appartenenza che aveva la squadra di papà, ma questo è un problema che riguarda in generale il calcio di oggi, non solo la Lazio”.
Quale potrebbe essere l’allenatore ideale della Lazio per la prossima stagione? “Non sono ferratissima a livello tecnico, guardo la Lazio e non sono in grado di indicare un tecnico ideale tra quelli disponibili. Non so come Prandelli possa rapportarsi ad una realtà particolare come quella di Roma, Pioli mi piaceva molto per il suo aspetto umano. Inzaghi non ha avuto il tempo, probabilmente, di dimostrare le sue vere doti”.
Dei calciatori in rosa chi stima di più? “Come personalità mi piace molto Cataldi, ispira simpatia oltre ad essere un ottimo giocatore”.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy