Felipe Anderson: “Sogno di diventare il più forte al mondo. A Roma mi trovo benissimo”

Felipe Anderson: “Sogno di diventare il più forte al mondo. A Roma mi trovo benissimo”

ROMA – Un impatto non esaltante nel nostro campionato. Qualche lampo nel finale di stagione per il numero 7 biancoceleste. Felipe Anderson si racconta in un’intervista rilasciata a “Tribuna Esporte”. Ecco le sue parole riportate da globoesporte.globo.com: “Ho cominciato a giocare a 10 anni al Santamaria. la scuola calcio della…

ROMAUn impatto non esaltante nel nostro campionato. Qualche lampo nel finale di stagione per il numero 7 biancoceleste. Felipe Anderson si racconta in un’intervista rilasciata a “Tribuna Esporte”. Ecco le sue parole riportate da globoesporte.globo.com: “Ho cominciato a giocare a 10 anni al Santamaria. la scuola calcio della mia città. Mi dicevo sempre “E’ questo quello che voglio fare nella vita”. A 12 anni ho passato il provino con il Curitiba e a 14 mi sono trasferito al Santos esordendo in prima squadra a 17″. Ed è proprio qui che Felipe Anderson haiì il suo primo grande ricordo da calciatore: “Il primo gol segnato. Qualcosa difficile da descrivere e ringrazio ancora Dio per quel regalo.

 

Poi arrivò il secondo, quando il Santos conquistò la Libertadores. E poi – prosegue Anderson – a 20 anni con la Lazio. E’ stato un sogno che si è realizzato, un dono di Dio. Mi ritrovavo a giocare con calciatori che quando ero piccolo vedevo in tv. A Roma mi sono ambientato subito e poi è una città meravigliosa. Il mio sognoconclude – è quello di diventare il migliore al mondo. Lavorando e sognando, si può realizzare quello che al momento ci appare impossibile”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy