FINAL EIGHT – Brocchi: “Lazio, puoi vincere il titolo!”

FINAL EIGHT – Brocchi: “Lazio, puoi vincere il titolo!”

La Lazio primavera dopo aver eliminato la Roma, domani cercherà di conquistare il terzo titolo stagionale nella finale contro il Torino. Cristian Brocchi, in diretta su Radio Olympia, vede la i ragazzi di Inzaghi favoriti contro i granata: “Il livello di queste Final Eight è molto alto e a livello…

La Lazio primavera dopo aver eliminato la Roma, domani cercherà di conquistare il terzo titolo stagionale nella finale contro il Torino. Cristian Brocchi, in diretta su Radio Olympia, vede la i ragazzi di Inzaghi favoriti contro i granata: “Il livello di queste Final Eight è molto alto e a livello di Primavera incide molto l’età. La mia squadra è molto giovane e questo in alcune situazione si paga, siamo usciti ai calci di rigore dopo una sfida rocambolesca ma sono orgoglioso per come i miei ragazzi hanno interpretato la fase finale, usciamo a testa alta. La Lazio è una delle migliori rose in Italia, è sempre stata una delle più accreditate per la vittoria finale. Simone Inzaghi ha plasmato una squadra capace di vincere molto portandosi a casa anche diversi derby decisivi che non è mai semplice. Il Torino gioca un calcio molto riconoscibile con due attaccanti molto forti fisicamente, i compagni spesso cercano anche di arrivare a loro con i lanci lunghi. La trama è molto semplice ma poi le qualità dei singoli spesso fa la differenza. Giocando così spesso ti mette in difficoltà, Morra è un ragazzo molto temibile la Lazio dovrà stare molto attenta anche se è favorita. E’ difficile fare previsioni sul futuro dei ragazzi che giocano in primavera, solo Inzaghi può sapere chi è già pronto per fare il salto di qualità. Guerrieri è un ottimo portiere, riesce a dare grande sicurezza e tranquillità a tutto il reparto che non è una dote molto frequente. In quel ruolo non bastano le qualità tecniche serve altro e lui ha queste caratteristiche. Per il futuro è sempre consigliabile per un giovane andare a fare esperienza in una categoria di primo piano ma servirebbe avere la certezza di essere titolare. Se, invece, si entra in concorrenza con un portiere esperto forse è meglio rimanere in una squadra importante come la Lazio e crescere lì allenandosi con dei campioni. A me piacerebbe che si iniziasse a fare qualcosa di serio per le primavere.

 

 

 

E’ bello vedere la fase finale e sarebbe interessante avere una serie A in questa categoria, per maturare un’esperienza superiore e avere ragazzi più pronti da portare in prima squadra. Non credo molto al beneficio che può portare la riforma dei tesseramenti in serie A che impone 4 giocatori provenienti dal settore giovanile. Perchè non serve che siano inseriti in una lista, serve che trovino spazio. Quest’anno il giovane che mi ha impressionato di più in serie A è stato Danilo Cataldi,  troppo facile dirlo. Lo conosco bene e non avevo dubbi sul suo valore ma mi ha impressionato per la rapidità con cui si è imposto nel grande calcio. Molti ragazzi hanno qualità tecniche interessanti ma lui è stato impressionante per la personalità dimostrata. Ha giocato subito tante partite importanti con carattere e imponendo il suo carisma, prestazione dopo prestazione con la tranquillità e la freddezza di un veterano. La Lazio è una delle società che ha lavorato meglio in questi anni. Spesso è stata criticata ma ha saputo lavorare con gli investimenti giusti, senza spendere molto ma sfruttando le idee e il lavoro e adesso si vedono i risultati. Basteranno pochissimi ritochhi per competere al vertice. Pioli è stata la chiusura del cerchio di un progetto serio e vincente. In questo mondo spesso si guarda soltanto all’aspetto mediatico. Lo dimostra Marco Parolo che ha fatto una stagione meravigliosa. Negli ultimi anni ha conquistato con merito la Nazionale ma si è sempre parlato poco di lui, è arrivato alla Lazio e ha avuto la possibilità di affermarsi in una grande squadra e non è un caso se alla fine è risultato tra i migliori tre o quattro giocatori di una stagione fantastica come quella della Lazio. E’ stato protagonista e artefice di una cavalcata che ha portato al terzo posto”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy